A- A+
Cronache

"Sospetto che sia stato mio padre a far sparire Denise". Jessica Pulizzi, l'unica indiziata della scomparsa della piccola Denise Pipitone, avvenuta il 1 settembre del 2004, ha scaricato sul genitore la responsabilità della sparizione della piccola.

 "Ha perso un'occasione per confessare la verità", ha commentato invece Piera Maggio, mamma di Denise, che ha raccontato agli inviati del programma Chi l'ha visto? che quando l'avvocato dell'accusa ha piazzato davanti a Jessica una foto della bambina, la donna non ha avuto il coraggio di posarci sopra gli occhi.

La Pulizzi, inoltre, ha cercato di confermare di non aver mai saputo che Denise era la sua sorellastra mentre invece è noto che si trovava persino in ospedale il giorno della nascita della bambina, quando aveva solo 13 anni. In quell'occasione, un ostetrica le fece i complimenti per la nascita della sorellina, ma lei rispose che si sbagliava perché sua madre non era in attesa. Ha poi dichiarato di provare antipatia per la donna con cui suo padre ha avuto la bambina, e ha ammesso di averle bucato le gomme dell'auto con un coltellino.

JESSICA IN AULA - Jessica Pulizzi, principale imputata del processo per il sequestro della sorellastra Denise, ha rivelato in aula davanti al Tribunale di Marsala di aver sospettato il padre, Piero Pulizzi, del sequestro della bambina il primo settembre del 2004 a Mazara del Vallo. "Mi sono fatta l'idea che mio padre abbia preso la bambina quando i poliziotti, intorno alle 15 del prima settembre 2004 vennero a casa mia cercando mio padre. Visto che i poliziotti cercavano mio padre ho sospettato che fosse stato lui a prenderla". Alla domanda dell'avvocato di parte civile, Giacomo Frazzitta, legale di Piera Maggio, madre della bambina, se fosse stata lei a prendere Denise, l'imputata ha risposto: "No". "Ne e' sicura?" ha ribattuto Frazzitta. "Al cento per cento" ha risposto Jessica Pulizzi. Interrogata su dove si trovasse il primo settembre 2004, tra le 11 e le 12,30. Jessica ha risposto di "non ricordare". Pulizzi e' poi caduta in contraddizione su dove avesse dormito la notte in cui scomparve la bambina. In aula Jessica ha detto "di aver dormito a casa", ma nel verbale datato 30 marzo 2005 Jessica riferisce di aver trascorso la notte del primo settembre dalla nonna materna, Antonietta Lo Cicero. La sorellastra Jessica, inoltre, rispondendo alle domande del pubblico ministero nel primo interrogatorio pubblico al quale si sottopone, sostiene di aver saputo che Denise era la figlia illegittima di suo padre e di Piera Maggio solo dieci giorni doo la misteriosa scomparsa di Denise. Eravamo in commissariato e insieme ad un'assistente sociale mi chiamò in una stanza e mi disse che Denise era mia sorella. Io ero lì per essere interrogata di nuovo, ma fino a quel momento non sapevo nulla". Jessica, che il primo settembre del 2004, quando Denise sparì davanti casa, aveva solo diciassette anni, ha 24 anni e da tempo vive fuori dalla Sicilia. In tribunale e' arrivata da una porta secondaria, attesa dai suoi avvocati. "Prima del primo settembre del 2004 non ho mai saputo che Denise fosse figlia di mio padre. Avevo avuto dei sospetti ma lui aveva sempre negato e aveva anche giurato su di me e mia sorella Alice che non era vero niente". . Jessica ha, però, ammesso di essere a conoscenza della relazione tra Piera Maggio e il padre. "Nel '99 ho telefonato a Piera Maggio per dirle di stare lontana da mio padre". Questo dopo aver avuto dei sospetti. "Un padre di una mia compagna di scuola delle medie mi ha detto di aver visto mio padre con una signora in auto. A quel punto chiesi a mio padre se aveva una relazione con qualcuno e mio padre mi disse di no". L'imputata ha poi detto di aver notato, a seguito di quella conversazione, "che prima mio padre mi dava il cellulare liberamente e che poi invece me lo dava solo in sua presenza. Vedevo le chiamate sul cellulare di mio padre, gli chiedevo chi fosse e lui rispondeva un'amica". L'imputata ha detto di aver "conosciuto Piera Maggio agli inizi del '98 quando avevo 11-12 anni perche' era un'amica di mia madre. Piera frequentava casa mia, mentre io sono entrata una volta sola a casa sua. All'epoca i miei erano ancora sposati e vivevamo tutti in via Pirandello. Poi i rapporti tra le nostre famiglie si sono interrotti". A questo punto Jessica Pulizzi ha parlato della separazione dei genitori e dell'allontanamento da casa del padre, Piero Pulizzi, che ando' a vivere dalla nonna paterna di Jessica, Anna Minaudo. "I litigi tra i miei - ha sostenuto - iniziarono dopo un po' che la mamma non si frequentava piu' con la signora Maggio. Non conoscevo i motivi delle liti".

Tags:
denisejessicagiallo
in evidenza
"Speriamo che sia femmina?": la possibile svolta politica in anteprima alla Piazza di Affari

La kermesse a Ceglie dal 26 al 28 agosto - Il programma

"Speriamo che sia femmina?": la possibile svolta politica in anteprima alla Piazza di Affari


in vetrina
Scatti d'Affari GAP a Milano, chiude il negozio dopo 12 anni. Giù la serranda dal 7 ottobre

Scatti d'Affari
GAP a Milano, chiude il negozio dopo 12 anni. Giù la serranda dal 7 ottobre





casa, immobiliare
motori
Al Monterey Car Week Aston Martin svela la DBR22

Al Monterey Car Week Aston Martin svela la DBR22


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.