A- A+
Cronache
Denise, l'intercettazione choc: "Dove la devo portare?"

"Ciao Pe, vai a prendere Denise". "Ma Peppe che ti ha detto? Dove la devo portare?". E' questo il drammatico audio di una intercettazione ambientale raccolta da una cimice installata sul motorino di Jessica Pulizzi, la sorellastra di Denise Pipitone sospettata del rapimento della bimba.

La registrazione, mandata in onda dalla trasmissione televisiva Chi l'ha visto, risale a qualche settimana dopo quel primo settembre del 2004 quando Denise, appena 3 anni, venne rapita. L'intercettazione confermerebbe i sospetti della madre di Denise, Piera Maggio, convinta che la bambina non sia stata uccisa, ma solo occultata per punirla della sua relazione col padre di Jessica. Gli inquirenti cercheranno ora di identificare le due persone che parlano tra loro, e la terza, tirata in ballo nel dialoghi, col nome "Peppe".

Tags:
denise pipitoneaudio
in evidenza
La rete non dimentica: le promesse (non mantenute) di Giggino in campagna elettorale

Il video che inchioda Di Maio

La rete non dimentica: le promesse (non mantenute) di Giggino in campagna elettorale


in vetrina
KoRo rafforza la propria presenza nel mercato europeo

KoRo rafforza la propria presenza nel mercato europeo





casa, immobiliare
motori
Paolo Poma CFO Lamborghini: “essere best in class entro il 2025"

Paolo Poma CFO Lamborghini: “essere best in class entro il 2025"


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.