A- A+
Cronache
Dito nella scollatura di una collega, giudice: "Violenza? No, ingiuria"

Infila un dito nella scollatura della collega e viene denunciato. Ma il giudice dell'udienza preliminare del Tribunale di Bergamo, non ha ravvisato il reato di violenza sessuale bensì "solo" quello di ingiuria. Secondo il 40enne protagonista della vicenda, infatti, si sarebbe trattato di un gesto innocente e scherzoso che non voleva offendere la collega. Di diverso avviso, la donna, 35 anni, che ha subito il gesto in un corridoio dell'azienda dove lavora.

La Procura per quel gesto chiede la condanna a 8 mesi, la difesa l'assoluzione: il gup decide invece per la derubricazione del reato da violenza sessuale a ingiuria e condanna l'imputato al pagamento di una multa da 1500 euro.

Tags:
ditoscollaturacollegagiudiceviolenzaingiuria
in evidenza
La Piazza di Ceglie snodo delle elezioni. Il direttore Perrino ospita tutti i big - VIDEO

La V° edizione, dal 26 al 28 agosto

La Piazza di Ceglie snodo delle elezioni. Il direttore Perrino ospita tutti i big - VIDEO


in vetrina
FS, al via le prove tecniche del Frecciarossa 1000 tra Madrid e Barcellona

FS, al via le prove tecniche del Frecciarossa 1000 tra Madrid e Barcellona





casa, immobiliare
motori
Dal fiuto di Maximilian E. Hoffman 70 anni fa nasceva la Mercedes SL

Dal fiuto di Maximilian E. Hoffman 70 anni fa nasceva la Mercedes SL


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.