A- A+
Cronache
Ebola: Obama, troppo presto per farmaco sperimentale in Africa

Il presidente Usa, Barack Obama, ha detto che e' ancora troppo presto per inviare farmaci sperimentali contro l'ebola in Africa occidentale, duramente colpita dal'epidemia. Il presidente ha spiegato che non ci sono ancora informazioni sufficienti per decidere se la cura sperimentale contro il virus sia efficace e ha aggiunto che gli sforzi dei Paesi interessati dovrebbero concentrarsi piuttosto sulla definizione di una "forte struttura pubblica" per contenere l'epidemia. L'ebola, un virus emorragico con una altissimo tasso di mortalita', si trasmette per via aerea -ha ricordato Obama: l'epidemia "puo' esser controllata e contenuta in maniera efficace se usiamo i corretti protocolli". "I Paesi africani coinvolti sono i primi ad ammettere che quel che e' successo e' dovuto al fatto che i loro sistemi di salute pubblica sono stati travolti. Non sarebbe successo se avessero identificato e contenuto piu' efficacemente i primi casi".

Liberia dichiara stato emergenza, "contagio cresce" - La presidente della Liberia, Ellen Johnson Sirleaf, ha dichiarato lo stato di emergenza nel Paese come conseguenza dell'epidemia di ebola. Lo ha annunciato con un messaggio televisivo nel corso della notte. La presidente ha dichiarato che sono necessarie "misure straordinarie" per la sopravvivenza dello Stato e ha preannunciato che alcuni diritti civili potranno essere sospesi per la crisi. Ma ricordando le misure gia' adottate nelle ultime due settimane per arginare il contagio (congedo obbligatorio di 30 giorni al personale pubblico non essenziale, chiusura delle scuole, disinfezione degli ospedali pubblici) ha tuttavia osservato che il contagio continua a crescere: "Ignoranza, poverta', cosi' come le pratiche religiose e culturali arretrate, continuano a esacerbare la diffusione della malattia soprattutto nelle province".

Il ministro Lorenzin: plauso a Polizia postale; no rischio in Italia - "Ringrazio la Polizia Postale per il suo operato che ha consentito in poche ore di evitare che continuasse ad essere diffusa attraverso i social network una notizia falsa che avrebbe potuto generare un ingiustificato panico nella popolazione". Lo dichiara il ministro della Salute Beatrice Lorenzin, in merito all'operazione della Polizia postale che, allertata dallo stesso ministro, ha portato all'identificazione e alla denuncia dell'autore di un falso allarme sulla presenza di casi di Ebola a Lampedusa e alla cancellazione della falsa notizia da oltre 27mila profili Facebook. "La diffusione di informazioni false - aggiunge Lorenzin - e' sempre pericolosa tanto piu' in un ambito delicato come quello della salute. Ribadisco che attualmente non esiste alcun rischio da Ebola nel nostro Paese e voglio tranquillizzare in tal senso la popolazione italiana. Invito a cercare le notizie in tema di salute sui canali ufficiali - conclude il ministro - i soli che diffondono informazioni certificate e corrette".

Tags:
ebolaobamacasa biancanigeriafarmaco ebola
in evidenza
House of Gucci, guarda il trailer Jared Leto irriconoscibile. FOTO

Lady Gaga guida un cast stellare

House of Gucci, guarda il trailer
Jared Leto irriconoscibile. FOTO

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
BMW prosegue lo sviluppo delle auto che restituiscono energia green

BMW prosegue lo sviluppo delle auto che restituiscono energia green


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.