A- A+
Cronache
Iniezione letale su quattro pazienti: ergastolo all'infermiera-killer

Ergastolo a Fausta Bonino, l'infermiera di Piombino accusata di aver ucciso pazienti con l'iniezione letale

Fausta Bonino, l'infermiera dell'ospedale di Piombino (Livorno) finita a processo per la morte di alcuni pazienti, è stata condannata all'ergastolo dalla Corte d'assise d'appello al processo bis di secondo grado, dopo che la Cassazione aveva annullato l'assoluzione della donna. Le morti avvennero fra il 2014 e il 2015. Inizialmente Bonino era stata accusata per dieci decessi: in primo grado era stata condannata all'ergastolo per quattro, in appello era stata assolta. Poi è arrivata la Cassazione, che ha disposto un nuovo appello per quattro pazienti morti, confermando l'assoluzione per gli altri sei casi.

Per Bonino il sostituto procuratore generale aveva chiesto la condanna all'ergastolo. L'infermiera era accusata di aver causato la morte di quattro pazienti iniettando loro eparina, un anticoagulante che, se assunto in quantità imponenti, provoca emorragie interne. La donna si è sempre professata innocente. 

LEGGI ANCHE: Roma, uccise e gettò una 17enne nel carrello del supermercato: a processo

Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Affari in rete

Guarda la gallery

Affari in rete


in vetrina
Carrà, in vendita la villa all'Argentario. Prezzo (quasi) accessibile. FOTO

Carrà, in vendita la villa all'Argentario. Prezzo (quasi) accessibile. FOTO





motori
Alpine Endurance Team alla 24 Ore di Le Mans: test day cruciale

Alpine Endurance Team alla 24 Ore di Le Mans: test day cruciale

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.