A- A+
Cronache
Eterologa vietata in Italia fino alla legge


Niente eterologa in Italia fino a una legge ad hoc. Questa la situazione, secondo quanto appreso da fonti del ministero, alla luce della decisione del Consiglio dei ministri di sostituire al decreto urgente proposto dal ministro della Salute Beatrice Lorenzin proprio una legge, che necessariamente dovra' seguire i tempi dell'iter parlamentare. Questo perche', si fa notare, non basta la sentenza della Consulta che aveva dichiarato incostituzionale la fecondazione eterologa a dare il via automaticamente alle procedure: servono una serie di norme tecniche, che erano meticolosamente elencate nel decreto, dal registro dei donatori ai criteri e ai test per selezionare donatori e riceventi, senza le quali e' impossibile partire. Per questo l'indicazione emersa in CdM, a quanto si apprende, e' stata quella di essere molto rigidi nell'applicazione di questo divieto, anche attraverso i Nas, finche' appunto una legge non consentira' l'avvio dell'eterologa nel nostro Paese.

Il governo invia al Parlamento la questione fecondazione eterologa. Il decreto scritto dal ministro alla Sanità Beatrice Lorenzin e pronto già da martedì per l'approvazione non è arrivato al cdm. All'unanimità i ministri hanno deciso di cambiare strategia. E' probabile che a questo punto i tempi necessari a definire le varie questioni legate a questo trattamento si dilatino di molto, visto che entrano in ballo le due Camere. Nel provvedimento Lorenzin, tra l'altro, erano affrontati solo temi tecnici.

Dall'età dei donatori (20-35 anni le donne, 18-40 gli uomini), agli esami che avrebbero dovuto fare. Inoltre era sottolineato che questi ultimi dovevano restare anonimi ed essere identificati solo da un codice alfanumerico, da usare nel caso fossero state scoperte malattie nel figlio naturale. Soprattutto, però, il decreto stabiliva che l'eterologa è un lea, un livello essenziale di assistenza che deve essere assicurato a tutti i cittadini da tutte le Regioni. Con l'approvazione del decreto questo punto avrebbe obbligato i vari sistemi sanitari a avviare questo tipo di pma, procreazione medicalmente assistita, nelle strutture pubbliche praticamente da subito. Adesso si rischia una grande difformità di offerta. La Toscana, ad esempio, ha già fatto una delibera per autorizzare i suoi centri all'eterologa, altre Regioni sono molto più indietro ma cercano di preparare anche loro atti per poter partire. Altre ancora aspettano una disciplina nazionale. Poi ci sono i centri privati, che si muovono comunque sulla base alla sentenza della Consulta.

L'idea di coinvolgere il Parlamento era quella iniziale dello stesso ministro Lorenzin, che poi davanti a molte critiche aveva deciso di fare un decreto. Il governo ha però deciso ieri che il tema è troppo complesso e che devono esprimersi le Camere. I tempi così slitteranno, a meno che dal Parlamento non si inviti il consiglio dei ministri a non fare nulla, perché non c'è bisogno di alcuna nuova legge per andare avanti. Lorenzin intanto ha preparato una lettera da mandare a tutti i capigruppo per spiegare loro la questione.

Tags:
eterologa
in evidenza
Chiara Ferragni: look audace al concerto di Fedez. Foto

"E' il mio corpo, la mia scelta"

Chiara Ferragni: look audace al concerto di Fedez. Foto

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari EssilorLuxottica e Meta: ecco i nuovi Smart Glasses Ray-Ban Stories

Scatti d'Affari
EssilorLuxottica e Meta: ecco i nuovi Smart Glasses Ray-Ban Stories





casa, immobiliare
motori
Renault elettrifica la gamma commerciale con Kangoo van e-tech

Renault elettrifica la gamma commerciale con Kangoo van e-tech


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.