A- A+
Cronache

Almeno 8 morti, altrettante persone che mancano all'appello e migliaia di sfollati: e' il bilancio di un week-end di forti piogge e allagamenti, in numerose regioni della Germania, Repubblica Ceca e Austria. Il maltempo di una primavera che tarda ad arrivare e che ora minaccia Ungheria, Slovacchia e Polonia. In Germania, dove c'e' stata almeno una vittima, la situazione e' drammatica, specialmente in alcune regione della Turingia, nell'est del Paese, e nella citta' di Passau, in Baviera, dove il centro storico e' allagato da due giorni.

Sono state inviate a Passau squadre di soldati, per partecipare ai lavori di contenimento degli argini e rafforzare le dighe con sacchi; e' stata sospesa la fornitura idrica per motivi di sicurezza, mentre l'ospedale e' rifornito con acqua sicuramente potabile. Se nelle prossime ore la situazione migliorera', il ripristino del funzionamento degli acquedotti cittadini e' previsto per domani. Sempre piu' critica la situazione anche in molte citta' della Sassonia, minacciate dalla piena del fiume Elba, che a Schoena ha gia' raggiunto 7 metri di altezza, con il livello che mercoledi' potrebbe salire fino a 11,05 metri, mentre quello normale e' di 2,14 metri.

Il governo bavarese ha attivato l'allarme in molte zone dello Stato, perche' si erano registrati livelli di 9 metri del fiume Inn e di quasi due metri nel Danubio. La massa d'acqua di questi fiumi sta correndo verso l'Austria, dove ci sono stati gia' due morti, e le acque sono cresciute soprattutto negli Stati di Voralberg, nel Tirolo, a Salisburgo e nell'Alta e Bassa Austria. Oltre un centinaio di strade chiuse al traffico in Bassa Austria, numerose altre bloccate nel Voralberg, in Tirolo, Salisburgo e Alta Austria, dove si sono registrati numerosi smottamenti. E se la pioggia non cessa, si teme che il livello del Danubio possa uguagliare quello del 2002, il piu' alto negli ultimi 100 anni.

Nella Repubblica Ceca, dove il numero delle vittime e' salito a cinque, il governo ha dichiarato lo stato d'emergenza in gran parte del Paese, compresa la capitale, Praga. Il timore e' che si ripeta il dramma del 2002 quando, a causa delle devastanti alluvioni, morirono decine di persone. Si teme che la Moldava raggiunga il suo picco massimo e le autorita' si affannano a proteggere il centro storico di Praga: nella notte, oltre 2.600 persone hanno dovuto essere evacuate dai pompieri nelle zone piu' minacciate. Nel timore di inondazioni, a Praga sono stati fermati i trasporti, chiuse le scuole, chiuse varie stazioni della metro; chiusi anche i musei Kampa, Smetana, Náprstek e quello della Musica Ceca, le cui collezioni sono state trasferite in luoghi piu' sicuri, lontane dalla Moldava.

Le inondazioni hanno riguardato amche, seppur in misura minore, le regione sud-ovest della Polonia; e meteorologi hanno avvertito di nuove precipitazioni in arrivo: sono in allerta almeno 16 localita', mentre vari villaggi vicino a Kamienna Gora, alla frontiera con la Repubblica Ceca, sono alluvionate. Le autorita' polacche hanno approvato aiuti fino a 1.400 euro per le famiglie interessate. E per tutta la giornata, gli abitanti dei villaggi hanno lavorato per rafforzare gli argini fluviali e proteggere le case dall'acqua. Anche la Slovacchia si prepara a proteggere le sue citta' e campagne, oltre soprattutto alla capitale, Bratislava, minacciata anch'essa dalla crescita del Danubio.

 

 

 

 

tab.1

L'ANALISI DI MARIO GIULIACCI:  Maggio 2013, piovosità record
Non era difficile suppore che il maggio 2013 risultasse alla fine uno dei più piovosi degli ultimi 50 anni. Non era invece scontato che il maggio di quest’anno, in termini di piovosità battesse il superpiovoso maggio del 1984 su gran parte delle località del Centronord dell’Italia. Nella prima tabella è stato riportato per 18 località della penisola, equamente distribuite sul territorio, sia la quantità di pioggia in mm caduta in maggio 2013 (prima colonna), sia la relativa anomalia percentuale rispetto alla norma, nella seconda colonna ( valori % superiori a 100 stanno ad indicare una quantità superiore alla norma; ad esempio Milano 333% , significa che a Milano le piogge sono state 3.3 volte superiori ai valori climatici normali attesi per maggio).

Dalla tabella emergono tre aspetti: 1. la quantità di pioggia caduta nel maggio 2013 è stata inferiore alla norma sul Meridione (tranne Napoli), sulla Bassa Emilia e sulla Romagna; di gran lunga superiore alla media al Nord e in particolar modo su Lombardia, Veneto, Umbria, Lazio, Bassa Toscana e Piacentino; 2. nelle seguenti città (evidenziate in rosso sulla tabella) la quantità di pioggia caduta nel maggio 2013 è un record perché risulta il valore più alto almeno degli ultimi 50 anni: Grosseto, Perugia, Piacenza. Per altre città la quantità osservata nel 2013 è il secondo valore in assoluto degli ultimi 50 anni: Venezia 171 mm (record 186 mm nel 1995); Milano 251 mm (record 352 mm nel 1984); Malpensa 216 mm (record 349 nel 1984).

 

tab2

 Ma, a nostro giudizio, il parametro che più interessa è il numero di giorni con pioggia osservato nel maggio 2003 perché ai fini delle attività umane, dello svago, del tempo libero ma anche e soprattutto del benessere psico-fisico. Insomma, ad esempio, 7 giorni al mese intensamente piovosi, sono di gran lunga più sopportabili di 20-25 giorni al mese, seppure poco piovosi.

Per questo motivo per le medesime località è stata costruita un'altra tabella (vedi tabella 2) ove nella prima colonna abbiano riportato il numero di giorni con pioggia osservato nel maggio 2013, mentre nella seconda colonna è riportato il valore normale climatico per maggio. Nella medesima tabella sono state evidenziate in rosso le città ove il numero di giorni con pioggia è risultato il più elevato dal 1980 ad oggi. Dalla tabella balza evidente che su quasi tutto il Centronord il numero di giorni con pioggia ha superato quasi ovunque i precedenti record che appartenevano per lo più al maggio 1984.

www.mariogiuliacci.it

 

Tags:
meteoallarmealluvioni
in evidenza
House of Gucci, guarda il trailer Jared Leto irriconoscibile. FOTO

Lady Gaga guida un cast stellare

House of Gucci, guarda il trailer
Jared Leto irriconoscibile. FOTO

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
Mercedes-Benz protagonista al Salone del Camper di Düsseldorf 2021

Mercedes-Benz protagonista al Salone del Camper di Düsseldorf 2021


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.