A- A+
Cronache
Eutanasia, Welby e Cappato assolti anche in appello a Genova
Mina Welby Marco Cappato
IPA

Eutanasia, Cappato e Welby assolti anche in appello.

Il giudice della Corte d'assise d'appello di Genova ha confermato l'assoluzione, decisa in primo grado, per Marco Cappato e Mina Welby, rispettivamente tesoriere e co-presidente dell'associazione Luca Coscioni. E' iniziato alle 9.30 di oggi, 28 aprile, presso la Corte d'Appello di Genova il processo di secondo grado a Marco Cappato e Mina Welby, accusati di aiuto al suicidio a Davide Trentini, il 53enne malato di sclerosi multipla deceduto in una clinica in Svizzera il 13 aprile 2017 tramite suicidio assistito. Quattro anni fa i due attivisti e rappresentanti dell'associazione, impegnata su scala internazionale a tutela del diritto alla Scienza e alla Salute, dopo aver fornito a Trentini assistenza per raggiungere la Svizzera, luogo dove ricorse al suicidio assistito, si autodenunciarono dopo la morte, per sostenere il diritto delle persone nelle stesse condizioni di Davide a poter scegliere di porre fine alla propria sofferenza. In primo grado a Massa, il 27 luglio luglio 2020, Cappato e Welby furono assolti, dopo che il pm Marco Mansi aveva chiesto i minimi di legge, 3 anni e 4 mesi, per "fatto" che "non sussiste" e per "fatto" che "non costituisce reato". La procura fece poi ricorso sull'assoluzione. 

Welby: "Spero che Genova dia giustizia, serve la legge".  

Mina Welby oggi al tribunale di Genova, insieme a Marco Cappato. Fuori dal tribunale un presidio di Possibile, +Europa, Radicali, Volt e l'associazione Luca Coscioni. "Possiamo ancora andare avanti e sono fiera di farlo qui dove mia mamma ha iniziato il suo lavoro da ragazza. Spero che questa città dia anche giustizia quello che aveva chiesto Davide" ha dichiarato Mina Welby. "Il dispendio emotivo mi dà ancora più forza per andare avanti affinché si faccia una legge - ha aggiunto - Sento il dovere di difendere le persone che chiedono aiuto per un loro diritto. La morte dignitosa deve essere accessibile a chi serve". Mina sottolinea che il tema non deve essere condizionato dal colore del governo: "Non c'entra la maggioranza di governo: il parlamento deve discutere e legiferare, secondo propria coscienza e non su quanto imposto dai partiti. Io voglio, dopo questa volta, che il parlamento ascolti e faccia la legge". Intanto l'associazione Coscioni nei giorni scorsi ha depositato in Corte di Cassazione il Referendum per l'Eutanasia Legale.

Commenti
    Tags:
    eutanasiawelbycappatoprocesso welby cappato
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Wanda Nara vs la censura social Le nuove foto scaldano il web

    Belen, Diletta e.. scatti Vip

    Wanda Nara vs la censura social
    Le nuove foto scaldano il web

    i più visti
    in vetrina
    Lukaku, il Chelsea di Abramovic fa sul serio per strapparlo all'Inter

    Lukaku, il Chelsea di Abramovic fa sul serio per strapparlo all'Inter





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    il Museo Mercedes-Benz festeggia il suo 15 ° compleanno

    il Museo Mercedes-Benz festeggia il suo 15 ° compleanno


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.