A- A+
Cronache
Ex parroco di Lanciano a giudizio. "Frustava i fedeli col rosario"

L'ex parroco della chiesa di Sant' Agostino di Lanciano, don Andre' Facchini, e' stato rinviato a giudizio dal gup di Lanciano Marina Valente. Il sacerdote brasiliano andra' a processo il 19 maggio 2015 per rispondere delle accuse di violenza privata aggravata, lesioni, molestie, ingiurie e minacce ai danni di un gruppo di giovani e di una famiglia di un ragazzo 'attenzionato' dall' ex parroco fondatore della Legio Sacrorum Cordium.

Alcuni componenti del gruppo hanno denunciato prima alla web tv Abruzzolive e poi in procura le penitenze somministrate con i rosari, di pavimenti della chiesa leccati con la lingua e altre pressioni psicologiche da parte del sacerdote, che attualmente si sarebbe trasferito in Brasile, facendo perdere le sue tracce. Il sacerdote e' difeso dall'avvocato Osvaldo Piccirilli, mentre una delle parti offese e' rappresentata dall'avvocato Antonella Troiano del foro di Lanciano. Il pm titolare dell'inchiesta che vede come imputato don Andre', 39 anni, e' il sostituto procuratore Rosaria Vecchi.

Tags:
parrocorosario
in evidenza
La rete non dimentica: le promesse (non mantenute) di Giggino in campagna elettorale

Il video che inchioda Di Maio

La rete non dimentica: le promesse (non mantenute) di Giggino in campagna elettorale


in vetrina
KoRo rafforza la propria presenza nel mercato europeo

KoRo rafforza la propria presenza nel mercato europeo





casa, immobiliare
motori
Paolo Poma CFO Lamborghini: “essere best in class entro il 2025"

Paolo Poma CFO Lamborghini: “essere best in class entro il 2025"


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.