A- A+
Cronache

Non riusciva a pagare le bollette e per questo è morto di freddo. L'ennesimo dramma della crisi è accaduto a Fano, nelle Marche, dove un pensionato con un assegno da 800 euro al mese si è visto tagliare il riscaldamento perché non aveva saldato il conto.

L'uomo viveva in un appartamento con la moglie e due figlie, di cui una disoccupata, e tra l'affitto e le altre spese non riusciva a pagare le bollette. Per questo il 77enne, che da due mesi viveva al freddo, è morto  è morto all'ospedale di Fano, dove era arrivato con una temperatura corporea di soli 30 gradi centigradi.

Il magistrato ha disposto l'autopsia per chiarire le cause del decesso. L'uomo soffriva di diverse patologie, probabilmente aggravate in modo fatale dal freddo e dall'ipotermia. La sua casa, nelle ultime settimane, veniva scaldata con una stufetta elettrica.

Tags:
fanopensionatobollettafreddo
in evidenza
Wanda Nara, perizoma e bikini Lady Icardi è la regina dell'estate

Foto mozzafiato della soubrette

Wanda Nara, perizoma e bikini
Lady Icardi è la regina dell'estate

i più visti
in vetrina
Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena

Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena





casa, immobiliare
motori
Mercedes-Benz protagonista al Salone del Camper di Düsseldorf 2021

Mercedes-Benz protagonista al Salone del Camper di Düsseldorf 2021


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.