A- A+
Cronache
embrione

E' morto all'eta' di 87 anni lo scienziato britannico Robert Edwards, vincitore del Nobel per la medicina nel 2010 come pioniere della fecondazione 'in vitro'. Edwards era malato da tempo, ha precisato l'Universita' di Cambridge nel dare notizia del decesso. Nel 1968 Edwards aveva messo a punto insieme al collega Steptoe, morto 24 anni fa, la tecnica di fecondazione in provetta Fivet che da allora ha permesso la nascita di piu' di 4 milioni di bambini da coppie con problemi di fertilita'. Per la prima volta ree possibile fecondare un ovulo umano al di fuori del corpo di una donna, unendolo a uno spermatozoo in provetta. "Avere un bambino e' la gioia piu' grande", ripeteva di fronte alle polemiche che hanno spesso accompagnato il suo lavoro, soprattutto da parte della Chiesa cattolica.

ADDIO A EDWARDS, "PADRE" DI 4 MLN BIMBI IN PROVETTA - Oggi Louise Joy Brown ha 35 anni, ed e' una normalissima madre di famiglia. Il 25 luglio del 1978 e' stata la prima bambina a nascere grazie a una tecnica rivoluzionaria, la fecondazione in vitro. Dopo di lei, oltre 4 milioni di bambini sono nati "in provetta". Padre di questa tecnica e' il medico inglese Robert Geoffrey Edwards, Nobel per la Medicina nel 2010, scomparso oggi a 87 anni. Edwards, nato nel 1925 a Leeds, inizia nel 1960 a studiare le problematiche legate alla fecondazione umana, e' gia' nel 1968 riesce a ottenere la fertilizzazione di un ovulo umano in laboratorio. L'inizio della collaborazione con un altro illustre chirurgo e ginecologo inglese, Patrick Steptoe, segna la svolta per le sue ricerche. Mentre Edwards affina le tecniche di fertilizzazione dell'embrione in laboratorio, Steptoe utilizza la laparoscopia per ricavare ovociti da pazienti con infertilita' dovuta alle tube. I loro esperimenti incontrano numerose critiche e opposizioni di tipo etico, ma la nascita di Louise Brown, nell'Oldham General Hospital, segna la storia della medicina, dando una nuova speranza a milioni di coppie infertili nel mondo. La tenica, denominata Fivet, ha un principio relativamente semplice: si tratta di fecondare in vitro un ovulo, estratto dalle tube della paziente, con uno spermatozoo sano, per poi reimpiantare l'embrione cosi' ottenuto nell'utero della donna di solito entro 72 ore. Si stima che le possibilita' di gravidanza siano pari al 18% dei cicli ovulatori femminili: tre quarti di queste gravidanze arrivano al parto. Edwards e Steptoe hanno fondato la Bourn Hall Clinic, per sviluppare il loro lavoro e formare nuovi specialisti. Steptoe e' morto nel 1988, ma Edwards ha continuato in questi anni a pubblicare articoli scientifici e a formare le nuove generazioni. Una fama crescente lo porta a entrare, nel 2007, nella prestigiosa lista pubblicata dal Daily Telegraph dei 100 piu' grandi geni viventi. Nel 2010 il Nobel: non mancarono allora, come per quasi tutta la vita di Edwards, le polemiche. Se le societa' scientifiche e gran parte degli esperti parlarono di riconoscimento stra-meritato (i ginecologi parlarono di "maestro che ha cambiato il futuro) da parte cattolica si levarono voci di critica, con la Radio Vaticana che accuso' Edwards di "aver ignorato le esigenze dell'etica". (AGI) Pgi 101549 APR 13 NNNN ZCZC AGI0726 3 SST 0 R01 / LAZ FECONDAZIONE: ADDIO AL NOBEL EDWARDS, PADRE DI QUELLA 'IN VITRO' = (AGI) - Londra, 10 apr. - (AGI) Sar 101538 APR 13 NNNN

Tags:
fecondazionemortovitroedwards
in evidenza
"La borsa di Chanel irrinunciabile. La moda? Oggi inorridisco per..."

Zorzi torna su discovery con Tailor Made. La video-intervista

"La borsa di Chanel irrinunciabile. La moda? Oggi inorridisco per..."

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Banca Generali: presentati gli scatti relativi all’SDG numero 2 “Fame zero”

Scatti d'Affari
Banca Generali: presentati gli scatti relativi all’SDG numero 2 “Fame zero”





casa, immobiliare
motori
Nuova DS 7, eleganza e comfort in un’unica vettura

Nuova DS 7, eleganza e comfort in un’unica vettura


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.