A- A+
Cronache

Basta con il veleno. Esprimiamo un grande disappunto nei confronti di chi ha voluto stigmatizzare, con toni inopportuni, la nomina di Isabella Rauti come consigliere per le politiche di contrasto della violenza di genere ed al femminicidio". Ad affermarlo sono Isa Ferraguti, presidente Libera Stampa (un passato nello staff di Enrico Berlinguer), Maria Pasanisi, esperta di genere, e Ornella Petillo, segretario confederale Ugl.

"Questo trapela – proseguono - dai titoli di alcuni articoli che reputano primario soffermarsi più sulla caratteristica "moglie di......" che sul valore, la professionalità, la preparazione di chi ha ricevuto l'incarico. Riteniamo questa l'ennesima discriminazione di genere che continuamente si pratica nei confronti delle donne che, pur vantando percorsi e spessore di saperi, vengono facilmente sminuite con un'ironia sprezzante paravento del clima di misoginia dilagante che ancora impera nelle maglie della nostra società. Isabella Rauti è una donna di grande competenze e personalità che ricoprirà un incarico prestigioso ed impegnativo con grande abnegazione, come ha ricoperto, fino ad oggi, altri incarichi che l'hanno vista sempre capace di affrontare problematiche legate alla questione femminile.

L'individuazione da parte del Ministro Alfano di un settore che affronti con scientificità le problematiche legate alla violenza di genere ed al femminicidio raccoglie quello che per tanti anni è stato richiesto dall'associazionismo femminile, dai comitati di parità, dalle case famiglia e da tutte le persone che a vario titolo si occupano di violenza e di discriminazione di genere. Bisogna soffermarsi su questo segnale importante di civiltà che il governo ha voluto dare e che deve essere accolto con responsabilità. Non bisognerebbe lasciarsi andare a quello che oggi sembra lo sport nazionale più diffuso: gettare veleno su tutto. Si rischia che tutto venga inquinato e che schizzi di fango colpiscano ancora una volta i corpi martoriati da calci e pugni perché non siamo stati in grado di creare strumenti adeguati per difenderli.

Alfredo Picariello

Tags:
femminicidiorautiveleni
in evidenza
Il trauma di Romina Carrisi "Ho lavorato negli strip club"

Dolorosa esperienza negli USA

Il trauma di Romina Carrisi
"Ho lavorato negli strip club"

i più visti
in vetrina
Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena

Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena





casa, immobiliare
motori
Taigo: il primo SUV coupé di Volkswagen

Taigo: il primo SUV coupé di Volkswagen


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.