A- A+
Cronache
Femminicidio: investì e bruciò moglie, condannato a ergastolo

Fu inseguita, investita, picchiata, cosparsa di benzina e data alle fiamme. E' morta cosi' Giuseppina Di Fraia, 52 anni, di Pianura, un quartiere di Napoli, dopo tre giorni di agonia, il 14 febbraio dell'anno scorso. Il marito, Vincenzo Carnevale, 51 anni, originario di Pozzuoli, e' stato condannato all'ergastolo così come aveva chiesto la pubblica accusa.

I difensori avevano chiesto una perizia per valutare la sua capacita' di affrontare il giudizio, ma e' stato ritenuto sano di mente. Il giudice ha anche stabilito che la famiglia della vittima, il comune di Napoli e le associazione che si sono costitute nel processo, siano risarcite del danno.

Tags:
ergastolofemminicidiobruciamoglie
in evidenza
"Speriamo che sia femmina?": la possibile svolta politica in anteprima alla Piazza di Affari

La kermesse a Ceglie dal 26 al 28 agosto - Il programma

"Speriamo che sia femmina?": la possibile svolta politica in anteprima alla Piazza di Affari


in vetrina
Scatti d'Affari GAP a Milano, chiude il negozio dopo 12 anni. Giù la serranda dal 7 ottobre

Scatti d'Affari
GAP a Milano, chiude il negozio dopo 12 anni. Giù la serranda dal 7 ottobre





casa, immobiliare
motori
Al Monterey Car Week Aston Martin svela la DBR22

Al Monterey Car Week Aston Martin svela la DBR22


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.