A- A+
Cronache
Garlasco, colpo di scena: 16 anni per Stasi

Sentenza ribaltata per il processo di Garlasco. I giudici della Corte d'Assise d'Appello di Milano hanno condannato a 16 anni il bocconiano Alberto Stasi per l'omicidio della fidanzata Chiara Poggi con l'aggravante della crudeltà.  Stasi era stato assolto in primo e secondo grado dalla stessa accusa prima che la Cassazione annullasse la sentenza di appello. Alberto Stasi e' stato condannato anche a risarcire i parenti di Chiara Poggi per un milione di euro complessivi. La sentenza ha infatti stabilito che dovra' versare 350 mila euro ciascuno al padre e alla madre della vittima e 300 mila al fratello. Ad Alberto Stati sono state riconosciute attenuanti pari alle aggravanti chieste per lui dal sostituto pg Laura Barbaini. E' per questo che l'ex bocconiano e' stato condannato a 16 anni per l'omicidio della fidanzata Chiara Poggi e non a 30, come invece aveva chiesto la rappresentante della pubblica accusa in sede di requisitoria. I giudici della Corte d'assise d'appello di Milano hanno inoltre respinto la richiesta della Procura generale di riconoscere all'imputato l'aggravante di aver agito con crudelta'.

La sentenza è arrivata dopo circa 5 ore di camera di consiglio. I genitori di Chiara Poggi visibilmente commossi hanno abbracciato il legale di parte civile ("Finalmente la verità per mia figlia", ha detto il padre Giuseppe Poggi in lacrime), l'avvocato Gian Luigi Tizzoni, dopo la sentenza di condanna per Alberto Stasi. La madre Rita Poggi ha abbracciato anche il cugino di Chiara, Paolo Reale.  Giuseppe Poggi, il papa' di Chiara, ha detto: "Chiara ormai e' diventata una figlia anche per i nostri legali, che ringrazio. Non dico di piu' altrimenti mi commuovo".

Decisivi sono stati i nuovi elementi emersi nel corso di questo appello bis, indizi che hanno spinto i giudici ad emettere una sentenza di condanna. Era il 13 agosto 2007 quando l'allora bocconiano si reco' dai carabinieri per denunciare l'assassinio della fidanzata Chiara Poggi, da lui stesso trovata morta in mezzo a un lago di sangue sui gradini della villetta di Via Pascoli. La prima sentenza di condanna per quell'omicidio arriva a piu' di 7 anni da quel giorno. Tanto e' servito alla giustizia italiana per dare un nome all'autore del delitto di Garlasco.

LA NUOVA SENTENZA A 7 ANNI DALL'OMICIDIO - A 7 anni dai fatti e dopo 2 assoluzioni, Alberto Stasi e' stato condannato per l'omicidio di Chiara Poggi. "Ho trovato una persona uccisa in via Pascoli, venite". Cosi' inizio' il 'giallo' di Garlasco, tranquillo paese a pochi chilometri da Pavia. A dirlo e' Alberto Stasi, 24enne studente bocconiano, che il 13 agosto del 2007 chiama il 118 per chiedere i soccorsi. La sua fidanzata, Chiara, e' stata uccisa nella casa dove abita coi genitori e il fratello, che in quel momento sono in vacanza. Queste le tappe della vicenda:
- 20 agosto 2007: la Procura di Vigevano indaga Stasi con l'accusa di omicidio volontario. I carabinieri sequestrano la sua bicicletta bordeaux e il suo computer, frugano in ogni angolo della casa. Da questo momento sara' l'unico sospettato per il delitto.
- 24 settembre 2007: il pm Rosa Muscio ordina il fermo di Stasi. La prova 'regina' consiste, spiegano gli investigatori, nella presenza del dna della vittima sui pedali della bicicletta in sella alla quale Alberto sarebbe fuggito. 
- 28 settembre 2007: il gip Giulia Pravon dispone la scarcerazione di Alberto: non ci sono prove, solo suggestioni accusatorie. "Fine di un incubo", commenta lui.
- 3 novembre 2008: la Procura chiede il rinvio a giudizio di Stasi. Alla fine di dicembre, Alberto viene indagato per una nuova ipotesi di reato: detenzione e divulgazione di materiale pedopornografico. Nel suo pc ci sarebbero decine di file a sfondo sessuale che coinvolgono minorenni.
- 23 febbraio 2009: comincia l'udienza preliminare davanti al giovane gup Stefano Vitelli. I legali di Stasi scelgono il rito abbreviato.
- 9 aprile 2009: i pm Rosa Muscio e Claudio Michelucci chiedono la condanna a 30 anni di carcere. "Colpevole al di la' di ogni ragionevole dubbio - dicono - ha ucciso per una lite avvenuta la sera precedente. "Non ci sono arma, movente, solo indizi discordanti, ho paura di una giustizia penale che costruisce prima i colpevoli e poi le prove", ribatte il professor Angela Giarda, che guida il pool di difensori.
- 30 aprile 2009: il gup si ritira in camera di consiglio e ne esce con una decisione a sorpresa, disponendo 4 nuove perizie sui punti oscuri dell'inchiesta, partendo dal presupposto che le indagini sono state "lacunose".
- 17 dicembre 2009: Alberto Stasi viene assolto. Decisiva la perizia informatica che dimostra come Stasi stesse lavorando a casa sua alla tesi di laurea durante il probabile orario del crimine, tra le 9 e 12, quando viene disattivato l'allarme di casa Poggi, e le 9 e 35. Tutti gli altri indizi vengono valutati dal gup come "contraddittori o insufficienti".

- 8 novembre 2001: comincia il processo d'appello davanti ai giudici milanesi. Il pg Laura Barbaini chiede 30 anni di carcere o, in subordine, la rinnovazione del dibattimento.
- 6 dicembre 2011: la Corte d'Assise d'appello conferma l'assoluzione. Nelle motivazioni, i giudici osservano che la realta' "e' rimasta inconoscibile nei suoi molteplici fattori rilevanti, la maggior parte dei quali sono condizionati unicamente dal caso". Parte civile e procura generale presentano un ricorso in Cassazione sostenendo che il verdetto in secondo grado esclude una serie di dati facendoli passare come "mere congetture o supposizioni personalistiche".
- 18 aprile 2013: la Cassazione annulla la sentenza d'assoluzione e dispone un nuovo processo.
- 9 aprile 2014: Inizia a Milano il processo d'appello bis per Stasi, in aula sia l'imputato che i genitori di Chiara, Rita e Giuseppe Poggi. Il Pg chiede nuove indagini
- 30 aprile 2014: I giudici della Corte d'assise d'appello di Milano accolgono la richiesta di riaprire il dibattimento. Stasi consegna ai carabinieri la bicicletta nera per le verifiche
- 8 settembre 2014: Stasi viene sottoposto ad un nuovo prelievo del dna per la comparazione con quello trovato sotto le unghie di Chiara
- 11 settembre 2014: I periti dichiarano che su Chiara il dna trovato e' troppo poco e l'esame non puo' quindi essere completo
- 22 settembre 2014: Secondo i consulenti dell'accusa e della parte civile appare "quasi impossibile che Stasi non si sia sporcato le scarpe" di sangue quando ha ritrovato il corpo della fidanzata.
- 3 novembre 2014: venghono sentiti nuovi testimoni. Carabinieri confermano presenza graffi sulle braccia di Stasi dopo la morte di Chiara
- 24 novembre 2014: Il Pg Laura Barbaini chiede la condanna di Stasi a 30 anni di carcere per omicidio aggravato dalla crudelta'
- 27 novembre 2014: Secondo la parte civile, che si associa alla richiesta di condanna del Pg, contro Stasi ci sono "11 indizi gravi, precisi e concordanti".
- 3 dicembre 2014: La difesa chiede l'assoluzione "per non aver commesso il fatto", contro Stasi "non ci sono prove".

 

Tags:
garlascostasichiara poggisentenza
in evidenza
Wanda Nara, perizoma e bikini Lady Icardi è la regina dell'estate

Foto mozzafiato della soubrette

Wanda Nara, perizoma e bikini
Lady Icardi è la regina dell'estate

i più visti
in vetrina
Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena

Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena





casa, immobiliare
motori
BMW 320e Touring, la piccola ibrida plug-in della Serie 3

BMW 320e Touring, la piccola ibrida plug-in della Serie 3


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.