A- A+
Cronache
gesù cristo (2)

"Il figlio di Dio era disabile, è venuto in terra per stare al fianco delle persone più sfortunate". E' la teoria di Werner Dahlheim, storico ed esperto della vita di Cristo. "Nel IV o V secolo questa immagine venne sostituita con quella dell'uomo con tanti capelli e la barba..."

Dahlheim ha appena dato alle stampe il suo nuovo libro, "Die Welt zur Zeit Jesu" (Il mondo ai tempi di Gesù) e in un’intervista rilasciata al Tages Anzeiger l’autore ha parlato di antichi documenti riguardanti il Dio cristiano.Lo storico sostiene che l’esitenza del figlio di Dio è indiscutibile, ma i vangeli trasmettono la verità della fede, non quella storica, quindi è impossibile sapere cosa Gesù abbia esattamente fatto durante la sua esistenza.

Lo studioso, continua dicendo che Gesù per i romani era visto come un ribelle e che la prima immagine raffigurante il figlio di Dio sarebbe del 170 dopo Cristo. Dahlheim spiega anche che non ci fosse nessuna indicazione riguardante il fatto che Gesù avesse barba e capelli lunghi.

Tags:
gesùdisabile
in evidenza
Il trauma di Romina Carrisi "Ho lavorato negli strip club"

Dolorosa esperienza negli USA

Il trauma di Romina Carrisi
"Ho lavorato negli strip club"

i più visti
in vetrina
Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena

Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena





casa, immobiliare
motori
Taigo: il primo SUV coupé di Volkswagen

Taigo: il primo SUV coupé di Volkswagen


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.