A- A+
Cronache

di Nicolò Boggian

Nel nostro Paese il passaggio dallo studio al lavoro è un percorso tortuoso e sovente frustrante per molti, troppi giovani. I dati non confortanti sulla situazione occupazionale dei laureati sono tristemente noti e fotografano una situazione davvero difficile. Le cause di questa emergenza sono da ricercarsi nelle difficoltà di relazione tra due ‘mondi' troppo spesso lontani: quello dell'istruzione e quello del lavoro. Secondo la ricerca Studio Ergo Lavoro (McKinsey, 2014) in Italia, il 40% della disoccupazione giovanile ha natura strutturale e affonda le sue radici nello scarso dialogo tra sistema educativo e economico.

Solo il 38% dei giovani ha piena consapevolezza degli sbocchi occupazionali offerti dal percorso di studi scelto. Appena il 42% delle imprese ritiene che i neolaureati abbiano competenze adeguate ad affrontare l'attività professionale. A ciò si aggiunga che, molto spesso, l'università non riesce a mettere efficacemente in contatto le imprese e i candidati. Le distanze fra istituzioni formative e professioni possono essere colmate anche grazie all'impegno di volenterosi mentor che, con spirito di servizio, e, in modo gratuito, in una logica di give-back, mettono a disposizione dei più giovani esperienze e competenze per accompagnarli nella transizione alla vita attiva.

Per questa ragione, il Forum della Meritocrazia - Associazione presieduta da Claudio Ceper, mentor professionale, già advisor di Egon&Zehnder - in partnership con l'Università degli Studi di Milano – Bicocca, con l’Università di Parma e con l’Insubria, ha lanciato il Programma "Incubatore di talenti". Un'iniziativa gratuita, rivolta a giovani laureandi in discipline umanistiche (eccezionalmente anche diplomati) con maggiori difficoltà d'inserimento, ma potenzialmente in grado di generare innovazione per l'azienda, con l'obiettivo di estendere presto il Progetto ad altre università italiane rigorosamente Pubbliche. I partecipanti saranno pre-selezionati sulla base di requisiti di merito condivisi con l'Università (attività di volontariato, coerenza fra studi e attività extrascolastica, spike, ecc).

I giovani selezionati dagli esperti del Forum, oltre all'inserimento del proprio CV in una banca dati a disposizione delle aziende partner, inizieranno subito un iter formativo ed esperienziale dal taglio pratico, un vero e proprio piano di sviluppo individuale, che li vedrà impegnati al fianco di qualificati mentor per più di 200 giorni. Oltre ad essere da subito coinvolti nelle attività del Forum della Meritocrazia, i giovani saranno accompagnati durante tutto il percorso da professionisti di comprovata esperienza - in totale una ventina fra headhunter, hr director e manager - dai quali potranno apprendere sul campo competenze immediatamente spendibili, scoprire la propria vocazione professionale, valorizzare il proprio percorso di studi e accedere con successo e soddisfazione al mondo del lavoro. Si tratta di un iniziativa che ha 3 obiettivi: creare una community che crede nel Merito, aiutare i giovani meritevoli e portare un contributo alle università e agli enti formativi. Tra i mentori che hanno confermato la propria adesione: Emilio Petrone (Ad Sisal); Claudio Calabi (Ad Risanamento); Massimo Donelli (consulente, già Direttore di Canale 5, Tv Sorrisi e Canzoni, Epoca); Stefano Leonangeli (Ceo di Tassoni); Piercarla Delpiano (Direttore comunicazione Fiera Milano); Patrizia Corna Pellegrini (Ad Mondial Assistance).

Il bando con tutte le informazioni necessarie sarà pubblicato a fine settembre sui siti dell'Università Bicocca e del Forum della Meritocrazia. Sarà possibile iscriversi fino al 15 ottobre. Per info e contatti: segreteria@forumdellameritocrazia.it  e www.forumdellameritocrazia.it.

Tags:
laureati
in evidenza
Il trauma di Romina Carrisi "Ho lavorato negli strip club"

Dolorosa esperienza negli USA

Il trauma di Romina Carrisi
"Ho lavorato negli strip club"

i più visti
in vetrina
Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena

Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena





casa, immobiliare
motori
Taigo: il primo SUV coupé di Volkswagen

Taigo: il primo SUV coupé di Volkswagen


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.