A- A+
Cronache
Giustizia. Cancellieri giudiziari in Italia, la legge non è uguale per tutti

In Italia la legge non è uguale per tutti. Neanche per il personale giudiziario, che rivendica lo stesso trattamento applicato ad altri dipendenti dello Stato. Il contratto pubblico, infatti, non è lo stesso per tutti ma esistono categorie -come magistrati, avvocati dello Stato, personale della carriera diplomatica, professori universitari, personale militare e Forze di polizi- per le quali continuano ad applicarsi regole speciali, tra cui la progressione retributiva in rapporto all’anzianità di servizio. Se per tutto il pubblico impiego, come noto, si è avuta da tempo la privatizzazione del rapporto di lavoro, avvicinando le regole che lo disciplinano a quelle valide per il settore privato, per tali dipendenti non è stato così, in considerazione delle particolari funzioni svolte.

Ora, a ritenersi titolari di analogo status giuridico -distintivo rispetto agli altri dipendenti pubblici- sono anche coloro che operano all’interno delle cancellerie giudiziarie e che sono quotidianamente a supporto dei magistrati.

Il Tribunale di Roma -rendono noto gli avvocati Egidio Lizza (nella foto) e Flavio Maria Polito che assistono in giudizio una nutrita rappresentanza di questi lavoratori- ha ritenuto che la loro caratterizzazione professionale meriti il vaglio della Consulta, affinché sia stabilito, date le funzioni svolte, se debbano loro applicarsi le regole comuni o quelle relative al pubblico impiego non privatizzato”.

Ancora una volta, dunque, il settore della Giustizia in Italia è in agitazione. Dopo gli interventi della Corte di Giustizia dell’Ue sulla natura di lavoratori dipendenti dei giudici di pace e mentre la Consulta boccia la figura dei giudici ausiliari d’appello, anche gli addetti alle segreterie giudiziarie finiscono davanti alla Corte Costituzionale per le questioni legate al loro contratto di lavoro.

La Corte Costituzionale -afferma il presidente dell’Associazione dipendenti giudiziari italiani, Maria Cristina Marcone- è stata finalmente investita di una questione che da anni veniva sollevata dal personale interessato, non essendo adeguatamente valorizzato l’indispensabile apporto che assicuriamo all’esercizio della funzione giurisdizionale”.

A seguito dell’ordinanza del Tribunale di Roma, dovrà ora attendersi la decisione della Corte Costituzionale, che si annuncia di non semplice risoluzione.

 

Commenti
    Tags:
    leggeministerogiustizialavoro a cottimo
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Jennifer Lopez e Ben Affleck di nuovo insieme dopo 17 anni!

    Ritorno di fiamma

    Jennifer Lopez e Ben Affleck di nuovo insieme dopo 17 anni!

    i più visti
    in vetrina
    Ibrahimovic (out per il ginocchio) presenta la nuova maglia del Milan (foto)

    Ibrahimovic (out per il ginocchio) presenta la nuova maglia del Milan (foto)





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    "Soleterra" il primo suv completamente elettrico di Subaru

    "Soleterra" il primo suv completamente elettrico di Subaru


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.