A- A+
Cronache
Gli sms al volante? Uccidono più dell’alcol

Gli sms, inviati o letti mentre si guida, uccidono più dell’alcol. Lo dice uno studio statunitense, che mette in luce la pericolosità della comunicazione moderna, in molti casi utilizzata anche mentre si è al volante. Non solo il messaggino, ma anche le mail, le chat, gli aggiornamenti di stato sui social network rischiano di provocare incidenti stradali.

Per questo motivo è intervenuta l’Associazione sostenitori amici della polizia stradale (Asaps) che - con una campagna dal titolo “Un messaggio a volte accorcia la vita” -  vuole sensibilizzare i guidatori al non uso del telefono, in particolare per mandare sms mentre si guida.

"Crediamo - hanno spiegato dall'Asaps - che non sia per niente azzardato chiamarla la nuova sbornia/ebbrezza del terzo millennio. Dopo le ebbrezze da alcol e da droga che tanto disastro hanno creato anche sulla strada, oggi abbiamo aggiunto questo nuovo sistema di distrazione di massa: l’uso del cellulare alla guida e l’invio e la lettura degli SMS. Ma quanto può essere pericolosa questa nuova forma di distrazione? In Italia non esistono dati scientifici che ricolleghino questa nuova modalità distrattiva all’incidentalità stradale mortale o grave. Figuriamoci, da noi dal 2009 non si archiviano più neppure gli incidenti legati all’abuso di alcol e droga alla guida (ma si dovrebbe ripartire presto con nuove modalità)".

Tags:
smsautoalcol
in evidenza
Carolina Stramare va in gol L'ex Miss Italia sfida Diletta

Calcio e tv... bollente

Carolina Stramare va in gol
L'ex Miss Italia sfida Diletta

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
Renault: restyling per Megane berlina ora disponibile anche Plug-in Hybrid

Renault: restyling per Megane berlina ora disponibile anche Plug-in Hybrid


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.