A- A+
Cronache
Gobbi, col cervello piccolo e occhi spiritati: ecco come sarà l'uomo nel 3000

Computer, smartphone e device tecnologici: ecco come sarà l'uomo nel 3000 

Gobbi con una testa più grande e un cervello più piccolo, un poì più gobbi  con la colonna vertebrale incurvata verso il basso, mani sempre più simili ad "artigli" e occhi "spiritati": l'utilizzo (prolungato) della tecnologia modificherà il nostro fisico ed alcune parti del nostro corpo. L'uomo tra mille anni sarà  quindi completamente diverso da oggi. A rivelare l'evoluzioe choc della specie è stato un gruppo di ricerca, che ha ricevuto una commessa dalla compagnia telefonica americana TollFreeForwarding. Vediamo nel dettaglio tutti i cambiamenti più rilevanti. 

Come sarà l'uomo tra mille anni, tutte le trasformazioni nel dettaglio 

Partiamo dalla postura. Secondo la ricerca entro il 3.000, l'uomo potrebbe subire una deformazione ossea e muscolare, inevitabile conseguenza dei mezzi elettronici da cui ci separiamo solo nel sonno: Mindy, la donna ricreata al computer in 3D dai ricercatori americani, mostra infatti una curvatura evidente della colonna e un portamento che si potrae in avanti. Dopodichè occhio alle mani: a causa dell'utilizzo prolungato dei telefoni le mani diventeranno sempre più simili ad "artigli", chiamati "text claw".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
esseri umanievoluzionetecnologia
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Affari in Rete

MediaTech

Affari in Rete


in vetrina
Svolta meteo: ecco quando termina il freddo e torna il caldo

Svolta meteo: ecco quando termina il freddo e torna il caldo





motori
Mercedes-Benz, Nuovo G 580 EQ la svolta elettrica nel fuoristrada

Mercedes-Benz, Nuovo G 580 EQ la svolta elettrica nel fuoristrada

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.