A- A+
Cronache

Oltre 40.000 mediatori civili hanno accolto l’invito del Presidente, Silvio Berlusconi. Il 23 marzo scenderemo in Piazza per chiedere al Presidente della Repubblica di prendere atto dello stato di emergenza nazionale in cui versa la Giustizia Italiana. E’ necessario che il prossimo Governo decreti lo Stato di emergenza Nazionale, affidando a mediatori qualificati la risoluzione di tutte le cause pendenti, almeno per i prossimi tre anni. Tale stato di emergenza potrà interessare non solo la Giustizia Civile, ma anche quella penale.

Le Commissioni Giustizia riunite dovranno fornire in tempi brevi al Governo tutti gli elementi di valutazione affinché, entro un mese dall’insediamento, l’Esecutivo possa affidare ai mediatori la risoluzione dell’emergenza. Tale misura straordinaria dovrà essere, però, solo il primo atto di una riforma copernicana della Giustizia, così come auspicato dal precedente Governo Berlusconi, dagli imprenditori e dai cittadini. I cittadini e le imprese non possono più aspettare.

Dott.ssa Irene Gionfriddo

Portavoce del Forum Nazionale dei Mediatori

Tags:
mediatori civiliberlusconi23 marzo
in evidenza
Blasi, fuga romantica in Trentino È giallo sull'accompagnatore

Ilary in vacanza sui monti- FOTO

Blasi, fuga romantica in Trentino
È giallo sull'accompagnatore


in vetrina
ASPI, selezionate le top 20 mete dell’estate 2022 su Wonders

ASPI, selezionate le top 20 mete dell’estate 2022 su Wonders





casa, immobiliare
motori
Nave Destriero: da 30 anni un record imbattuto

Nave Destriero: da 30 anni un record imbattuto


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.