A- A+
Cronache
"Il Covid-19? Falso allarme globale". Consulente 'ribelle' del governo tedesco

Scoppia il caso in Germania sulla pericolosità del Covid-19. Il ministro dell'Interno, il bavarese Horst Seehofer, ha tra le mani una questione molto delicata che va ben oltre i confini della Repubblica Federale. Un consulente del ministero dell'Interno ha scritto un documento, su carta intestata, che contraddice totalmente la versione del governo di Berlino.

Secondo quanto risulta allo SPIEGEL, questo consulente (il cui nome non è stato rivelato) avrebbe inviato il dossier di 80 pagine ai colleghi del ministero e anche all'esterno.

Il contenuto di questo documento è letteralmente esplosivo e clamoroso. In sostanza il Covid-19 secondo il funzionario del dicastero dell'Interno sarebbe un "falso allarme globale" e il pericolo non sarebbe "maggiore di quello di molti altri virus". Poi la conclusione choc: lo Stato è "uno dei maggiori produttori di notizie false" dall'inizio della crisi del coronavirus.

Il funzionario 'ribelle' ha una spiegazione per il numero elevato di morti: “A marzo e aprile il 90% di tutti gli interventi chirurgici necessari è stato rinviato o non eseguito. Ciò significa che 2,5 milioni di persone non sono state curate a causa delle misure del governo, anche se sarebbe stato necessario.  Gli esperti ritengono che ci siano numeri tra 5.000 e fino a 125.000 pazienti che moriranno / sono già morti a causa di un intervento posticipato”.

Inoltre, “i trattamenti di follow-up dei pazienti (cancro, ictus, infarto o altro) sono  posticipati o annullati a causa delle limitazioni della disponibilità ospedaliera (e delle opzioni di trattamento): sono evidenti gli effetti negativi delle strutture di assistenza interrotte nei pazienti oncologici, sia che si tratti di follow-up del cancro o di programmi di prevenzione del cancro interrotti, come il carcinoma mammario. perché queste misure hanno dimostrato la loro utilità in lunghi studi e sono state stabilite su questa base”.

Fra i danni collaterali della  sopravvalutazione della pandemia, secondo la tesi di questo funzionario anonimo del ministero dell'Interno tedesco, ci sarebbe l’”aumento dei suicidi (in precedenza una media di 9.000 all’anno), che trovano la loro ragione  nella  compromissione significativa di lunga durata di tutte le condizioni di vita, che può diventare critica per le personalità mentalmente instabili; ma ci si possono aspettare anche numerosi suicidi come reazione alla distruzione economica dei mezzi di sussistenza.  Vari gruppi professionali che non si sentono in grado di far fronte all’onere dei cambiamenti sociali e personali e alla loro responsabilità (comune) personale".

Il funzionario critica poi l'ingerenza dello stato sulle libertà civili: "La proporzionalità degli interventi nei diritti dei cittadini”. Giunge al  punto di evocare la sentenza della Corte Suprema di Karlsruhe del 5  maggio scorso,   contro il quantitative easing della BCE,  di cui la Corte ha chiesto alla banca centrale  “ un’adeguata ponderazione delle misure con conseguenze negative (sentenza PSPP del 5 maggio 2020)”.  Altrettanto bisogna  esigere “proporzionalità” nelle misure  di restrizione delle libertà dalla “squadra di crisi”.

Il documento quindi contraddice tutto ciò che il governo federale e il Robert Koch Institute affermano sul Covid-19. Il ministro Seehofer ha sostenuto un approccio rigoroso fin dall'inizio per frenare la diffusione del contagio. Il suo dicastero aveva redatto uno studio a marzo che, nel peggiore dei casi, avrebbe potuto causare centinaia di migliaia di morti se il governo avesse fatto troppo poco. "Molti paesi nel mondo e la maggior parte dei paesi in Europa hanno adottato misure simili", ha dichiarato domenica il ministro. "Le misure finora adottate stanno funzionando".

documento rivolta
Il documento del funzionario 'ribelle'
fonte ichbinanderermeinung.de

Di recente, le critiche al governo tedesco nella crisi del coronavirus sono aumentate in modo massiccio. Durante il fine settimana migliaia di persone hanno manifestato in tutta la Germania, inclusi gruppi no-vax, estremisti e ideologi della cospirazione, ma anche cittadini comuni.

Il funzionario 'ribelle' del Ministero dell'Interno lavora nel dipartimento che si occupa di questioni fondamentali per la gestione delle crisi e per la protezione civile. Secondo le informazioni in possesso dello SPIEGEL, non avrebbe dovuto essere coinvolto nell'affrontare la pandemia del Covid-19, né faceva parte della squadra congiunta di crisi tra il Ministero dell'Interno e il Ministero della Salute.

Loading...
Commenti
    Tags:
    coronavirus falso allarme mondiale
    Loading...
    in evidenza
    Conte-Inter, c’è già aria di addio 'Futuro? Si vedrà, troppe critiche'

    VIDEO

    Conte-Inter, c’è già aria di addio
    'Futuro? Si vedrà, troppe critiche'

    i più visti
    in vetrina
    Meteo caldo stop, cambia tutto. Un ciclone porta piogge e fresco

    Meteo caldo stop, cambia tutto. Un ciclone porta piogge e fresco


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Seat e Bergamo hanno acceso i riflettori sulle violenze domestiche

    Seat e Bergamo hanno acceso i riflettori sulle violenze domestiche


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.