A- A+
Cronache

di Antonino D'Anna

Agli occhi di Dio “non siamo numeri” e “non c'è peccato che il Signore non potrà perdonare”. Francesco ha così preso possesso ieri, in San Giovanni in Laterano, della cattedra episcopale di Roma. Una giornata in cui il vento ha “giocato” a rubargli la papalina nelle sue apparizioni in pubblico (prima, all'arrivo in jeep, e dopo all'affaccio dalla Basilica), ma non ha impedito al Papa argentino di compiere alcuni gesti. A partire dalla benedizione della targa che da ieri denomina lo spiazzo davanti al Vicariato come “Largo Giovanni Paolo II – Pontefice dal 1978 al 2005”. questo pezzo di Piazza S. Giovanni in Laterano è così dedicato alla memoria di Karol Wojtyla. La targa è stata scoperta dal sindaco di Roma, Gianni Alemanno.

L'ARRIVO IN SAN GIOVANNI- Sceso dalla jeep (è da notare che ancora Jorge Mario Bergoglio non si è servito della Papamobile, che permette la visione del Papa, il quale però viaggia al coperto e dietro vetri blindati), il pontefice è stato accolto dai canonici del Laterano. Nell'atrio della Basilica il primo gesto della presa di possesso: ha baciato la croce e fatto un segno di croce sulla propria fronte e sue quella del Vicario di Roma, il cardinale Agostino Vallini. Un gesto “fuori copione” che viene letto come una conferma di Vallini al suo posto. Il cardinale ieri ha confessato all'Osservatore Romano che al momento dell'obbedienza manifestata in conclave al neoeletto Pontefice, Bergoglio gli ha chiesto: “Lei è il cardinale vicario: accetta di starmi vicino?”. Una vicinanza che è cominciata prima con l'affaccio alla loggia delle Benedizioni in San Pietro e che continua anche in Laterano.

IL PASTORALE DI MONTINI E L'OBBEDIENZA- Un altro elemento di novità, o di ritorno all'antico se preferite. Francesco ha preso possesso della cattedra romana munito del pastorale (il bastone simbolo dei vescovi, anche se più correttamente dovrebbe essere chiamata croce astile) che fu di Paolo VI e venne poi utilizzato da Giovanni Paolo II per tutto il suo papato. Il pastorale era stato usato anche da Benedetto XVI nei primi anni di pontificato, poi aveva ripreso l'uso della ferula (il bastone simbolo del ministero petrino). Del resto, Bergoglio si è presentato come Vescovo di Roma, per cui continua ad essere coerente con la sua visione del pontificato. Ecco allora il pastorale: ma questo non toglie l'atto di obbedienza che il Vescovo riceve dalla sua diocesi. A compierlo per il clero romano Vallini, il viceregente Filippo Iannone, alcuni rappresentati di sacerdoti e diaconi. Per i fedeli è arrivata la famiglia Curzi, con quattro figli, più due giovani del servizio per la pastorale giovanile, Sofia Presciutti e Massimo Presti.

(Segue: E nell'omelia il Papa rassicura i fedeli: Dio non ci considera numeri. La telefonata al direttore del Centro Astalli per i rifugiati...)

Tags:
papalateranocattedradio
in evidenza
Condizionatori, scegliere i migliori Tutti i consigli per risparmiare

Caldo record e rincari

Condizionatori, scegliere i migliori
Tutti i consigli per risparmiare

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Baulificio Italiano: aperto primo monomarca a Milano

Scatti d'Affari
Baulificio Italiano: aperto primo monomarca a Milano





casa, immobiliare
motori
I SUV Jeep® 4xe si confermano leader di vendite nel primo semestre 2022

I SUV Jeep® 4xe si confermano leader di vendite nel primo semestre 2022


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.