A- A+
Cronache
Il primario e le flessioni per gli specializzandi che sbagliano. "Non è reato"

Caso Maffulli, per i pm le flessioni punitive non sono un reato

Si è conclusa con un'assoluzione piena il caso delle flessioni degli specializzandi di ortopedia che sbagliavano all'Università di Salerno. Il Tribunale ha archiviato tutto e l’Università l’ha reintegrato nel ruolo di coordinatore della Scuola di Specializzazione in Ortopedia e traumatologia, dalla quale era stato sospeso quando esplose il caso, nell’aprile dello scorso anno, il professor Nicola Maffulli. "I fatti non configurano reati", scrivono i magistrati. Cioè, quei piegamenti sulle braccia ai quali sottoponeva i giovani dottori ritardatari sono stati considerati inopportuni ma non così vessatori da prevedere processi e punizioni per Nicola Maffulli, primario di Ortopedia a Salerno. "Forse pochi se ne sono accorti - spiega al Corriere della Sera il docente accusato - ma dopo la vicenda delle flessioni io ho continuato a lavorare a testa bassa e ho raggiunto il secondo posto nel ranking mondiale degli ortopedici, due anni fa ero al quinto".

E così, - prosegue il Corriere - dopo la bufera di un anno fa, rieccolo in sella pronto a spiegare per la prima volta le sue ragioni. Il procedimento sarà stato anche archiviato ma le flessioni venivano fatte. "Però non le ho mai imposte. Si trattava - spiega Maffulli - di un modo per rendere coeso il gruppo e al tempo stesso far capire l’importanza della puntualità in un ospedale. La regola era una flessione per ogni minuto di ritardo e la colazione da pagare. Questo valeva per tutti, me compreso. Per dirle: una volta sono rimasto in panne con la macchina e sono arrivato con 72 minuti di ritardo. Ne ho fatte 72 senza fiatare. La cosa era comunque vissuta come un evento goliardico".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
cronache salerno
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Affari in rete/ Emiliano, Decaro, Laforgia e Leccese nella copertina dei Beatles "Let it be"

Guarda le foto

Affari in rete/ Emiliano, Decaro, Laforgia e Leccese nella copertina dei Beatles "Let it be"


in vetrina
Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024

Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024





motori
Lexus alla Milano Design Week 2024: il futuro del design automobilistico

Lexus alla Milano Design Week 2024: il futuro del design automobilistico

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.