A- A+
Cronache
Alfano ha espulso l'imam anti-ebrei
Interno: Angelino Alfano

Il ministro dell'Interno, Angelino Alfano, ha disposto l'espulsione del cittadino marocchino Abd Al-Barr Al-Rawdhi, per grave turbamento dell'ordine pubblico e pericolo per la sicurezza nazionale e discriminazione per motivi religiosi.

Durante la preghiera del venerdì in moschea l'Imam aveva pregato Allah di uccidere tutti gli ebrei. Le sue parole sono state immortalate in un video reso noto dalla Middle East media research institute (Memri.org), organizzazione che ha la sede principale a Washington ed è vicina alla causa israeliana: "Oh Allah  porta su di loro ciò che ci renderà felici. Oh Allah, contali uno ad uno e uccidili fino all'ultimo. Non risparmiare uno solo di loro". Nel filmato il predicatore parla in arabo, ma le sue parole sono sottotitolate in inglese e la traduzione è stata confermata da un esperto, "fai diventare il loro cibo veleno, trasforma in fiamme l'aria che respirano. Rendi i loro sonni inquieti e i loro giorni tetri. Inietta il terrore nei loro cuori".

"Non è accettabile che venga pronunciata un'orazione di chiaro tenore antisemita, contenente espliciti incitamenti alla violenza e all'odio religioso", ha sottolineato il ministro. "Per questo ne ho disposto l'immediata espulsione dal territorio nazionale. La mia decisione valga da monito per tutti coloro che pensano che in Italia si possa predicare odio".

Il provvedimento è stato adottato sulla base di scrupolosi accertamenti condotti dal Servizio Centrale Antiterrorismo, con il concorso della Digos di Venezia e d'intesa con la Procura della Repubblica. La polizia, nel luglio del 2012, aveva già condotto un'operazione in zona. Allora era finito in manette l'Imam di San Donà, finito nel mirino degli investigatori per i suoi rapporti e i suoi propositi jihadisti, che l'avevano spinto a fondare una potenziale cellula terrorista nel Veneto Orientale. L'imam di Noventa, invece, autore delle invettive di venerdì, nel 2013, si era staccato dalla comunità di San Donà per andare a predicare nella sua moschea.

Dopo la decisione di espulsione il deputato della Lega Emanuele Prataviera chiede che "Alfano chiuda la moschea di San Donà di Piave e imponga una moratoria sull'apertura di nuove moschee in tutto il Paese". "Basta atteggiamenti lassisti" afferma Prataviera che chiede al governo di pretendere "sermoni in italiano e nessuna zona d'ombra", "stop a nuovi permessi per la realizzazione di luoghi di culto o affini", "censimento di quelli esistenti". D'accordo con la decisione di Slfano anche il presidente della Federazione Islamica del Veneto e dell'associazione 'Assalam' di Annone Veneto Bouchaib Tanji: "L'Islam è religione di pace. Via dalle moschee chi predica la morte". "Approviamo - spiega, ricordando l'appoggio anche dell'associazione Migranti della Venezia Orientale onlus - la decisione del ministro Alfano".

Tags:
imam
in evidenza
La Piazza di Ceglie snodo delle elezioni. Il direttore Perrino ospita tutti i big - VIDEO

La V° edizione, dal 26 al 28 agosto

La Piazza di Ceglie snodo delle elezioni. Il direttore Perrino ospita tutti i big - VIDEO


in vetrina
Eleonora Berlusconi in vacanza La single più desiderata d’Italia

Eleonora Berlusconi in vacanza
La single più desiderata d’Italia





casa, immobiliare
motori
Dal fiuto di Maximilian E. Hoffman 70 anni fa nasceva la Mercedes SL

Dal fiuto di Maximilian E. Hoffman 70 anni fa nasceva la Mercedes SL


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.