A- A+
Cronache
AMBULANZA

Serviva un posto in terapia intensiva ma per trovarne uno libero ha dovuto percorrere in ambulanza 150 chilometri. Alla fine e' morto per le conseguenze di un'occlusione intestinale Omar Carrara, 24 anni, di Serina. Il giovane, disabile dalla nascita, era arrivato all'ospedale di San Giovanni Bianco, in Val Brembana, lamentando dolori addominali. Dopo un primo trattamento farmacologico le sue condizioni sono peggiorate. I medici hanno deciso per l'intervento, ma serviva una struttura con terapia intensiva. Negli ospedali bergamaschi nessuno dei 91 posti letto era disponibile e alla fine e' stato necessario portare il paziente fino a Cremona.

Visto che l'elicottero non poteva effettuare il trasferimento per problemi di nebbia nella citta' cremonese, il trasporto e' stato fatto in ambulanza. Dopo due ore di viaggio il giovane e' arrivato nell'ospedale di Cremona, dove e' stato sottoposto a un intervento che pero' non e' riuscito a salvarlo. Nessuno di coloro che si sono occupati del caso (nemmeno i familiari del giovane) attribuisce il decesso alle due ore necessarie al trasferimento, ma da piu' parti si sottolinea la necessita' di rivedere la rete della disponibilita' di posti letto in provincia di Bergamo.

Tags:
ambulanzaospedale
in evidenza
Automotive, da ALD la svolta Arrivano nuove soluzioni green

Tra mobilità e sostenibilità

Automotive, da ALD la svolta
Arrivano nuove soluzioni green


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica





motori
Nuova smart #1 il domani è già arrivato

Nuova smart #1 il domani è già arrivato

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.