A- A+
Cronache

Dagli accertamenti condotti anche per mezzo di indagini finanziarie sono emerse 300 posizioni irregolari ai fini amministrativi e responsabilita' penali per 50 persone, denunciate alla procura della Repubblica di Lecco sia per truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche - poiche', mediante delega allo sportello o direttamente sul conto corrente continuavano a percepire indebitamente pensioni erogate dall'Inps - sia per il reato d'indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato - per aver omesso di comunicare il decesso del del congiunto, continuando a percepirne indebitamente la pensione.

L'intervento delle Fiamme Gialle ha permesso l'immediata sospensione delle prestazioni non dovute, consentendo il rientro nelle casse dello Stato di una parte dei soldi erogati mentre per gli altri sono in corso le procedure di recupero: considerando che alcuni "defunti" hanno riscosso la pensione in rinomate localita' balneari di Spagna e Francia, si sta valutando la possibilita' di attivare la procedura internazionale per il rientro delle somme indebitamente percepite.

Tags:
pensionetruffamorti
in evidenza
Carolina Stramare va in gol L'ex Miss Italia sfida Diletta

Calcio e tv... bollente

Carolina Stramare va in gol
L'ex Miss Italia sfida Diletta

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
Renault: restyling per Megane berlina ora disponibile anche Plug-in Hybrid

Renault: restyling per Megane berlina ora disponibile anche Plug-in Hybrid


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.