A- A+
Cronache
Inquinamento atmosferico e sostenibilità: un'app racconta la vita degli alberi

Inquinamento atmosferico ed alberi: ad un'applicazione gratuita il compito di favorire la sostenibilità. Il progetto finanziato tra gli altri dall'Unione europea

Si terrà fino al 28 aprile prossimo, a Roma, l'Emot festival, il primo itinerante attraverso l'ausilio del museo diffuso degli alberi. Un percorso digitalizzato, accessibile e gratuito, anche grazie ad un'app scaricabile da tutti gli smartphone. In prossimità di ogni albero e attraverso una geolocalizzazione, si attiveranno contenuti multimediali che raccontano l’albero per la sua significanza botanica, sociale e culturale, ambientale. "Il museo si fonda su un’idea di futuro sostenibileraccontano gli ideatori e curatori Lara de Angelis e Pierpaolo Fabrizio "Da un lato con la sua mission diffonde una cultura verde che genera benessere per l'individuo e i territori, dall’altro è un luogo di sperimentazione cross disciplinare".

L’EMoT, European Museum of Trees, nasce con l’ambizione di una progettualità che da Roma punta a farsi transnazionale. Attraverso i contributi di botanici, storiche dell’Arte, astrofisiche, artisti, giornaliste, filosofi, antropologi e comunità si arricchisce l'idea di futuro sostenibile: vale a dire comprendere come la presenza delle essenze arboree nel contesto urbano è centrale per il benessere dell’individuo ed i territori. 

Che dal binomio alberi ed inquinamento atmosferico si arrivasse in poco tempo allo sviluppo di un tema centrale per la lotta contro il cambiamento climatico, lo si è capito dall'accelerazione di tanti progetti ed iniziative, sia private che pubbliche, che giorno dopo giorno vanno in questa direzione . 

A Cesena, ad esempio, è nato un polmone verde vicino al fiume Savio. L’intervento di rigenerazione urbana tramite un progetto di imboschimento, è stato realizzato a cura del Comune e di altri partners e collocato alle porte dell’abitato di Cesena, tra la zona industriale e commerciale “Concessionarie” e il fiume Savio, in un luogo fruibile dalla popolazione attraverso le piste ciclabili. Questo fazzoletto di terra è stato colpito dall’alluvione del 16 maggio 2023, che ha causato la sommersione prolungata del campo ed il successivo deposito di materiale terroso trasportato dalle acque di esondazione. 

 A questo primo risultato seguirà  una seconda fase che porterà il totale delle piante a circa 6 mila tra alberi e arbusti di diverse specie, tra cui: Ontano nero, Pioppo bianco, Salice bianco. Ma anche alberi da frutto come: Peschi, Meli, Ciliegi, Albicocchi e Susini provenienti da vivai italiani e muniti di passaporto fitosanitario. Il nuovo bosco urbano di 19.245 metri quadrati, consentirà di assorbire fino a 219,14 tonnellate di CO2 in 20 anni e fino a 200 Kg di PM10 all’anno, restituendo all’ambiente fino a 159,97 tonnellate di ossigeno in 20 anni e contribuendo al miglioramento dell’ecosistema, della qualità dell'ambiente e della quotidianità per la comunità locale. 

Piantare 6,6 milioni di alberi entro il 2024 in 14 Città metropolitane italiane (1.268 comuni in cui vivono più di 21 milioni di abitanti) per contrastare l'inquinamento atmosferico, i cambiamenti climatici e la perdita di biodiversità, è anche l’obiettivo della misura “Tutela e valorizzazione del verde urbano ed extraurbano” del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. Lo stanziamento complessivo è di 330 milioni di euro. Da Milano a Roma, passando per Torino, Napoli e Genova, si tratta di un impegno che consentirà al nostro Paese di ricevere nei prossimi cinque anni 191,5 miliardi di euro Pnrr, finanziato con risorse europee per rilanciare l'economia italiana dopo la crisi causata dalla pandemia.
 
 
Ma a parte gli obblighi che ci impone Bruxelles, la convinzione che gli alberi possano risolvere l'inquinamento atmosferico, è appoggiata da molte organizzazioni territoriali, persone fisiche, enti pubblici, associazioni e aziende private per mitigare gli effetti del cambiamento climatico. Forestami, per esempio è il progetto promosso da Città metropolitana di Milano, Comune di Milano, Regione Lombardia, Parco Nord Milano, Parco Agricolo Sud Milano, ERSAF e Fondazione di Comunità Milano, che prevede la messa a dimora di 3 milioni di alberi entro il 2030. Ad oggi 611.459 gli alberi piantati. 
 
Poi c'è anche Treedorm,  un'azienda italiana che gestisce l'omonima piattaforma di e-ommerce online che consente a chiunque di piantare alberi in diversi paesi in tutto il mondo, offrendo anche ai clienti la possibilità di monitorare la crescita delle piante.Treedom lavora in collaborazione con piccole comunità di agricoltori, comunità locali e organizzazioni non governative in diversi paesi tra cui Tanzania, Ecuador, Kenya, Italia, Haiti e altri ancora. Acquistando un albero tra quelli disponibili, il cliente ne affida la crescita agli agricoltori locali della zona di piantumazione. A ogni pianta sono associate la posizione GPS e una regolare documentazione fotografica, inserite in una pagina web dedicata a fini di monitoraggio. 
 
Poi ci sono gli esperti, quelli che scendono in campo per sostenere l'idea che piantare alberi rappresenta la soluzione più concreta per la lotta al cambiamento climatico. Stefano Mancuso, ad esempio. Botanico, ricercatore dell'Università degli Studi di Firenze e direttore dell'Istituto di Neurobiologia Vegetale, ha proposto in un recente articolo che per raggiungere l'obiettivo di contrastare la crisi climatica, bisogna piantare 100 miliardi di alberi nelle aree periurbane del Mondo. Il Prof Mancuso parte dal presupposto che le piante sanno quello che fanno e, dato che rappresentano il 99.7% degli esseri viventi su questo pianeta, stupide non sono. Val a dire, abbiamo sottomano una soluzione straordinaria da adottare, eppure per vincere la sfida ci confrontiamo solo con le nuove tecnologie. E per far capire questo messaggio, da qualche settimana è possibile vedere il Prof Mancuso in piccoli divertenti reels sui social dove compare con Giovanni Storti del trio Aldo, Giovanni e Giacomo, nei quali Mancuso spiega il suo punto di vista, cioè che  il futuro dell'uomo dipende dalle piante, ma anche il suo progetto chiamato Prospettiva Terra. 300 sensori IoT (Internet of Things), sviluppati dallo stesso Mancuso e dallo spin off dell’università di Firenze Pnat, posizionati su altrettante piante della Biblioteca degli Alberi di Milano (Bam).
 
“Questi particolari sensori" dice Mancuso "registrano in tempo reale tutto ciò che accade nell'albero, come l’anidride carbonica assorbita, gli inquinanti rimossi dall'aria, i miglioramenti che questi alberi provocano sul clima e sull'ambiente a loro circostante, nonché la stabilità degli alberi cosí da sapere, quindi, se hanno dei problemi di salute o se sono in perfetta forma”.
Dalle prime rilevazioni risulta che gli alberi di Bam monitorati dal progetto, hanno stoccato 101 tonnellate di CO2 mentre, solo nei primi giorni di aprile, hanno rimosso 570 g di sostanze nocive e si stima arriveranno a 71 kg in un anno.
 
"Nei prossimi anni" spiega Mancuso "le nostre città diventeranno sempre più calde proprio a causa del riscaldamento globale. Di conseguenza, è necessario pensare subito ad una soluzione per adattarci: non c’è niente di meglio degli alberi per raffreddare la città. Non è una soluzione semplice o ‘naif’, anzi, ad oggi non c’è soluzione migliore, perché gli alberi funzionano come dei piccoli condizionatori d'aria in quanto traspirano l'acqua e, di conseguenza, abbassano la temperatura. È un processo definito endotermico e il progetto che abbiamo appena iniziato ha proprio questo scopo, illustrare in diretta questo processo a tutti i cittadini, in modo che chiunque si convinca dell'utilità di questi amici verdi”.
 

LEGGI ANCHE: Famiglie alla canna del gas salvate dagli impianti solari locali: la storia

 
 
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
"Tu che che cazzo vuoi? Non alzare la voce"

De Filippi furiosa in tv

"Tu che che cazzo vuoi? Non alzare la voce"


in vetrina
Canalis e Masolin, la strana coppia sul piccolo schermo

Canalis e Masolin, la strana coppia sul piccolo schermo





motori
Bentley svela la nuova Continental GT Ibrida da 782 CV

Bentley svela la nuova Continental GT Ibrida da 782 CV

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.