A- A+
Cronache

ll sindaco de L'Aquila, Massimo Cialente, ha ritirato le dimissioni presentate lo scorso 12 gennaio. L'annuncio nel corso di una conferenza stampa in Comune. Il primo cittadino si era dimesso dall'incarico a seguito dell'inchiesta 'do ut des' su presunte tangenti negli appalti per la ricostruzione del post sisma. Nell'indagine sono coinvolti, fra gli altri, il suo ex vice sindaco, Roberto Riga, subito dimessosi dall'incarico, l'ex assessore Vladimiro Placidi, all'epoca dei fatti tra il 2009 e il 2011, assessore alla ricostruzione e il dirigente comunale Mario Di Gregorio. Cialente, invece, non e' stato mai indagato.

"Ma dov'e' il suo senso di responsabilita'?". "Questa frase - ha detto Cialente - mi ha fatto riflettere molto su come dovessi comportarmi. A dirmela e' stata una donna che mi ha fermato, con la sua famiglia, mentre stavo andando a lavorare in ospedale. I cittadini che ho incontrato in questi giorni - ha aggiunto - mi hanno fatto capire che noi dobbiamo salvare l'immagine della citta'. Qui non c'e' il malaffare come e' stato scritto da una campagna di stampa che ha attaccato non solo me personalmente, ma anche i miei cari. Ho ricevuta centinaia di mail e persino mazzi di fiori affinche' tornassi indietro sui miei passi. Ringrazio la maggioranza e la Giunta che hanno fatto quadrato attorno alla mia persona ed anche la tanta gente che ha partecipato alla manifestazione di venerdi' scorso che ha chiesto a gran voce di rimanere alla guida del Comune. Questa non e' la citta' del 'magna magna', come qualche importante organo di informazione ha voluto farla passare. Non e' vero che abbiamo chiesto 60 miliardi per la ricostruzione. Sapete qual e' il terremoto italiano che costa meno per la ricostruzione - ha quindi aggiunto il sindaco rivolgendosi ai giornalisti -. Quello dell'Aquila. I dati sono della Filiera (Fintecna, Reluis e Cineas), un incubo per gli aquilani. Il Comune ha risparmiato 403 milioni di euro nei progetti. Soldi utilizzati con attenzione estrema. Quando e' andato via il commissario Chiodi (presidente della Regione Abruzzo, ndr) a settembre 2012, abbiamo risparmiato un milione al mese per il Cas (contributo di autonoma sistemazione). Ora dobbiamo recuperare il rapporto con l'Italia e con l'Europa. Come facciamo, dopo la campagna di stampa, a dire all'Italia che siamo persone per bene?. Ho pensato allora all'ex magistrato Nicola Trifuoggi che per 45 anni ha lavorato al servizio dello Stato senza vedere partiti o colori ma solo la legge".

ll sindaco ha ricordato che prima dell'8 gennaio (giorno degli arresti) "eravamo finiti sulla stampa nazionale perche' un eurodeputato danese ha fatto un rapporto dando una immagine molto negativa della nostra citta'. L'Unione europea poi lo ha smentito citando anche la relazione della Corte dei Conti. Perche' questa notizia non ha avuto l'evidenza che meritava? L'Aquila e' come un malato gravissimo. Mi sono anche chiesto se non c'e' qualcuno che si lava le mani con il nostro sangue". Il primo cittadino ha poi reso noto che nei prossimi giorni incontrera' il ministro Saccomanni affinche' il governo possa stanziare, per il 2014, il miliardo di cui ha bisogno L'Aquila per la ricostruzione, cosi' come gia' aveva affermato l'ex ministro Barca e lo stesso titolare del dicastero della Coesione Territoriale Carlo Trigilia (che ha la delega per la ricostruzione dell'Aquila) che inizialmente aveva parlato di soli 500 milioni per poi presentare in Parlamento una relazione "che ricalca esattamente i nostri numeri". E su Barca Cialente non ha escluso un suo impegno diretto per L'Aquila. Il sindaco ha voluto sottolineare che "qui non e' entrata la mafia grazie alla magistratura e alle forze dell'ordine". In riferimento all'inchiesta ha aggiunto: "l'idea che solo uno di noi possa aver sbagliato e' qualcosa di terribile, e' come sentirsi abbandonato dal padre, dal suo custode. C'e' qualche pecora nera?, probabile, c'e' in ogni gregge. Lo accertera' la magistratura. Oggi per noi e' un nuovo inizio - ha commentato infine Cialente - una battaglia che vinceremo perche' siamo nel giusto, ma anche tosti".

Ex pm Trifuoggi nominato vice sindaco - Nicola Trifuoggi, gia' procuratore distrettuale antimafia de L'Aquila e poi a capo della Procura della Repubblica di Pescara, e' il nuovo vice sindaco del capoluogo abruzzese. Lo ha annunciato stamani il sindaco, Massimo Cialente, nel corso della conferenza stampa nella quale ha ritirato le dimissioni. Al suo fianco era seduto lo stesso ex magistrato in quiescenza da circa un anno. In particolare Trifuoggi si occupera' di legalita' e sotto al suo vaglio passeranno tutti gli atti relativi sia alle imprese appaltanti che all'andamento degli appalti stessi per la ricostruzione post-sisma. Inoltre all'ex procuratore e' stata affidata anche la delega all'ispettorato urbanistico.

Tags:
l'aquila
in evidenza
"La borsa di Chanel irrinunciabile. La moda? Oggi inorridisco per..."

Zorzi torna su discovery con Tailor Made. La video-intervista

"La borsa di Chanel irrinunciabile. La moda? Oggi inorridisco per..."

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari EssilorLuxottica e Meta: ecco i nuovi Smart Glasses Ray-Ban Stories

Scatti d'Affari
EssilorLuxottica e Meta: ecco i nuovi Smart Glasses Ray-Ban Stories





casa, immobiliare
motori
 Spoticar lancia la phygital experience

 Spoticar lancia la phygital experience


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.