A- A+
Cronache
inps2

Attendeva la pensione ma ha appreso da una comunicazione dell'Inps indirizzata ai suoi eredi, che era considerato morto dal primo gennaio 2013. Protagonista della vicenda è l'ex comandante della Polizia Municipale di Ischia, Elio D'Amato, che ha il grado di tenente colonnello. Collocato forzatamente in pensione dall' amministrazione comunale, poi reintegrato per altri 6 mesi dall'autorità giudiziaria, dal primo agosto di quest'anno D' Amato è definitivamente in pensione.

"Ma sul mio conto - racconta l'ex Comandante al Corriere del Mezzogiorno - non è stato accreditato l'assegno di pensione. Qualche giorno fa, indirizzata "agli eredi di Elio D'Amato", è giunta una comunicazione dell'Inps nella quale si afferma che "a causa del decesso del pensionato in oggetto avvenuto l'1 gennaio 2013 non è stato possibile completare le operazioni di liquidazione dell'Irpef. Fortunatamente sono vivo e vegeto".

Tags:
inpspensionemorto
in evidenza
Sharon Stone: "Ho perso nove figli per aborti spontanei"

Rivelazione choc

Sharon Stone: "Ho perso nove figli per aborti spontanei"

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Intesa Sanpaolo, mostra conclusiva di ‘Restituzioni’ a Napoli

Scatti d'Affari
Intesa Sanpaolo, mostra conclusiva di ‘Restituzioni’ a Napoli





casa, immobiliare
motori
Alfa Romeo protagonista Goodwood Festival of Speed 2022

Alfa Romeo protagonista Goodwood Festival of Speed 2022


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.