A- A+
Cronache

Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, questa mattina ha inviato una corona di fiori in via Fani, sul luogo dove 35 anni fa fu rapito Aldo Moro e furono uccisi cinque agenti della sua scorta, Oreste Leonardi, Francesco Zizzi, Domenico Ricci, Raffaele Iozzino, Giulio Rivera. "Il Presidente della Repubblica in ricordo del presidente Moro e della sua scorta" e' scritto sulla coccarda tricolore che orna la corona di fiori, posta al fianco della lapide che ricorda gli agenti uccisi e delle corone d'alloro di tutte le altre istituzioni che questa mattina hanno partecipato alla commemorazione.

MORO: BERSANI, SUO RICORDO SPINTA A RINNOVAMENTO DEMOCRAZIA - "A 35 anni dall'anniversario del rapimento di Aldo Moro e dell'uccisione degli uomini della scorta ricordiamo una vicenda che resta nella memoria del nostro Paese. Quel dramma mise a dura prova la tenuta della nostra democrazia e interruppe in modo drammatico la possibilita' di un cambiamento profondo. Quel giorno inizio' la crisi della prima Repubblica". Lo ricorda Pier Luigi Bersani nella dichiarazione in cui il segretario nazionale Pd rileva che "ancora oggi il tema del rinnovamento della democrazia non e' piu' rinviabile ed e' necessario che segni un cambiamento profondo, chiudendo una transizione lunghissima". "In questo non possiamo non tener viva e presente l'eredita' di Aldo Moro come una bussola per il futuro".

MORO: SEVERINO, ITALIA SEPPE REAGIRE A PERIODO TERRIBILE - Il ministro della Giustizia, Paola Severino, questa mattina ha partecipato, in via Mario Fani a Roma, alla commemorazione per il 35esimo anniversario del rapimento di Aldo Moro, durante il quale furono uccisi cinque agenti della scorta. "La nostra presenza qui - ha spiegato Severino - sta a segnare quanto certi episodi abbiano profondamente colpito l'Italia, ma soprattutto quanto l'Italia abbia saputo reagire a un periodo terribile. Bisogna ricordarlo - ha concluso - per sapere proprio con quanta forza gli italiani abbiano saputo reagire".

MORO: TABACCI, OGGI COME NEL '76 MA SENZA STATISTI - "Il ricordo del tragico sequestro di Aldo Moro il 16 marzo 1978 con l'assassinio della sua scorta cade in questo anno in una fase sempre piu' difficile e convulsa della vita politica nazionale. La 17esima legislatura, cosi' come quella emersa dalle elezioni politiche del 1976, evidenzia piu' vincitori, ma purtroppo senza la presenza sul campo di statisti del livello di Moro". Sono parole di forte impatto quelle che l'ex dc Bruno Tabacci, oggi leader del Centro Democratico, sceglie sul suo blog ilgiornomigliore.it per commemorare Moro. "Per questo - prosegue - tra coloro che sono cresciuti con gli insegnamenti dei grandi maestri democratici cristiani, alla struggente nostalgia per la qualita' esemplare dell'impegno politico di Aldo Moro si somma la preoccupazione sempre piu' marcata della inadeguatezza dell'offerta politica di oggi di fronte alla dimensione della crisi che stiamo affrontando. C'e' sempre piu' bisogno di un soprassalto della coscienza civile e morale del Paese".

Tags:
aldo moroitalia
in evidenza
Carolina Stramare va in gol L'ex Miss Italia sfida Diletta

Calcio e tv... bollente

Carolina Stramare va in gol
L'ex Miss Italia sfida Diletta

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
Renault: restyling per Megane berlina ora disponibile anche Plug-in Hybrid

Renault: restyling per Megane berlina ora disponibile anche Plug-in Hybrid


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.