A- A+
Cronache

E' di qualche giorno fa la notizia di una multa di 5.000 euro comminata a una pizzeria d'asporto di Savona per aver "servito" il proprio prodotto al cliente seduto a un tavolino. Il lavoro dei vigili è stato ineccepibile. La normativa vigente prevede che nel caso di pizzeria d'asporto non è necessario avere i requisiti necessari alla somministrazione di cibi e bevande. Infatti, in caso di pizzeria con tavoli è necessario che il gestore o un suo preposto deve aver frequentato con esito positivo un corso professionale per il commercio, o aver prestato la propria opera, per almeno due anni, presso imprese esercenti l’attività nel settore alimentare o nel settore della somministrazione di alimenti e bevande o essere in possesso di un diploma di scuola secondaria superiore o di laurea, anche triennale, o di altra scuola ad indirizzo professionale, almeno triennale.

La follia della norma, tuttavia è proprio nella sua applicazione. Se hai una pizzeria d'asporto o una piadineria e non vendi bevande anche confezionate, sei esentato da avere i requisiti necessari alla somministrazione. Tuttavia, basta che insieme a una pizza vendi una semplice coca-cola confezionata ed ecco che sono necessari i requisiti. Qualcosa non quadra. I requisiti tecnici sono necessari sicuramente per motivi sanitari. Si richiede che il gestore o il pizzaiolo abbia le conoscenze minime per la conservazione dei cibi. Ma la follia della norma non segue il buon senso. Quello che distingue nei requisiti richiesti tra una pizzeria semplice e una d'asporto è semplicemente nel portare al tavolo la pizza e nel vendere una bevanda CONFEZIONATA.

Quindi, basta che il gestore della pizzeria d'asporto si azzardi, anche per semplice cortesia a portare al cliente la pizza al tavolo (di quelli senza sedie) ed ecco che scatta la multa. Aprire un'attività e portarla avanti è un campo minato con dei cecchini pronti a impallinarti in quanto le sue norme sono contro il semplice buon senso. Io lavoro nella consulenza alle imprese, vado conto i miei interessi, ma bisogna seriamente snellire questo paese.

Antonio Di Gilio

Tags:
italiacrisi
in evidenza
Casaleggio-Sabatini, che coppia Mano nella mano in dolce attesa

Paparazzati in un hotel di lusso

Casaleggio-Sabatini, che coppia
Mano nella mano in dolce attesa

i più visti
in vetrina
Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo

Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo





casa, immobiliare
motori
Prende il via da Cagliari il raoadshow ELECTRIQA firmato Mercedes

Prende il via da Cagliari il raoadshow ELECTRIQA firmato Mercedes


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.