A- A+
Cronache
guantanamo15

I medici e gli psicologi che lavorano per l'esercito statunitense hanno violato i codici etici della loro professione: e' quanto denuncia un'indagine indipendente sulle torture e il trattamento degradante di sospettati di terrorismo nelle prigioni gestite dal ministero della difesa americano e dalla Cia.

Lo studio, durato due anni e condotto dall'Institute on Medicine as a Profession e dalla Open Socity Foundation del finanziare George Soros, ha rilevato che, dopo l'11 settembre, gli operatori sanitari che lavorano con i servizi di intelligence e i militari "hanno progettato e partecipato al trattamento crudele, inumano e degradante e alla tortura dei detenuti". "E' chiaro -ha osservato uno dei co-autori dello studio, Gerald Thomson- che in nome della sicurezza nazionale, l'esercito ha ignorato (il Giuramento di Ippograte) e i medici sono stati trasformati in agenti dell'esercito e hanno compiuto atti contrari alle pratiche e all'etica medica".

 

Tags:
ciadetenutiterrorismo
in evidenza
Rossella Fiamingo, regina della scherma e star social

Le foto da urlo della fidanzata di Greg Paltrinieri

Rossella Fiamingo, regina della scherma e star social


in vetrina
Automotive, da ALD arrivano nuove soluzioni di mobilità sostenibile

Automotive, da ALD arrivano nuove soluzioni di mobilità sostenibile





motori
DS Automobiles svela la nuova DS3

DS Automobiles svela la nuova DS3

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.