A- A+
Cronache
La Francia vieta il burqa, l'Ue le dà ragione

La legge francese che impone il divieto di portare il burqa in quanto vieta di nascondere integralmente il viso non viola il diritto alla libertà di religione nè quello al rispetto della vita privata. E' quanto stabilisce la Corte europea dei diritti umani. Era il 2010 quando la Francia - primo Paese in Europa - imponeva il divieto di indossare il velo islamico integrale nei luoghi pubblici.

Nel settembre di quattro anni fa, infatti, il parlamento francese approvava in via definitiva una legge ad hoc. Multa di 150 euro - o seguire uno stage di "educazione civica" - per le donne che non avessero rispettato la proibizione. Chiunque invece avesse obbligato una donna a coprirsi completamente avrebbe rischiato un anno di carcere e 30mila euro di multa. Il testo non menzionava esplicitamente il velo integrale, bensì la "dissimulazione del volto nei luoghi pubblici", che includono strade e piazze e "i luoghi aperti al pubblico" (negozi, bar e ristoranti, parchi, trasporti) o "destinati a un servizio pubblico" (scuole, ospedali, uffici).

Tags:
franciaburqa
in evidenza
Elodie-Diletta pazze per la Puglia Fanno coppia fissa al mare- FOTO

Ormai amiche inseparabili

Elodie-Diletta pazze per la Puglia
Fanno coppia fissa al mare- FOTO


in vetrina
Ferrarini sostiene l'economia locale con il progetto "Sapori d’Italia"

Ferrarini sostiene l'economia locale con il progetto "Sapori d’Italia"





casa, immobiliare
motori
Mercedes-Benz GLE 350 de 4MATIC: come ritrovare il gusto del viaggio

Mercedes-Benz GLE 350 de 4MATIC: come ritrovare il gusto del viaggio


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.