A- A+
Cronache

"Questi episodi che abbiamo visto sono raccapriccianti e hanno diffuso nella gente e nel nostro popolo un senso di reazione e sdegno profondo che ci fa dire fortemente: mai piu'". Cosi' il cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Cei e arcivescovo di Genova, circa lo scandalo destato dal trattamento dei migranti nel centro di accoglienza di Lampedusa.

A margine del consueto scambio di auguri natalizi con i rappresentanti della stampa del capoluogo ligure, il porporato ha poi aggiunto: "di fronte a questo episodio dobbiamo da una parte riconoscere tutte le persone e le istituzioni che hanno guardato e guardano a questi fratelli e sorelle immigrati con tanta umanita', giustizia e fraternita' cercando di sostenere in ogni modo persone che con onesta' fuggono da propri Paesi in guerra o comunque illiberali per un domani migliore. Dall'altra parte pero' questi episodi che abbiamo visto - ha concluso - sono raccapriccianti".

Tags:
lampedusabagnasco
in evidenza
Maria Moran mozzafiato, la Diletta Leotta del calcio spagnolo

Lato A e B da urlo. LE FOTO

Maria Moran mozzafiato, la Diletta Leotta del calcio spagnolo


in vetrina
Automotive, da ALD arrivano nuove soluzioni di mobilità sostenibile

Automotive, da ALD arrivano nuove soluzioni di mobilità sostenibile





motori
Opel Zafira-e Life, il salotto amato anche dagli amici animali

Opel Zafira-e Life, il salotto amato anche dagli amici animali

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.