A- A+
Cronache
Mafia, blitz a Palermo: 16 arresti. Anche il nipote del "papa"

Blitz a Palermo, 16 gli arresti che hanno colpito Cosa Nostra palermitana. La polizia di stato e i carabinieri coordinati dal Dda del capoluogo siculo ha assestato un colpo agli affari dei clan storici, tra estorsioni, fiumi di cocaina e rapporti con Cosa nostra statunitense.  In tutto 13 gli arresti eseguiti dalla polizia di Stato nei confronti di appartenenti alle famiglie mafiose di Roccella e Brancaccio, all'interno nell'operazione Tentacoli. Entrambe le due famiglie ricadono nel mandamento di Ciaculli. Tre i fermati dai carabinieri del comando provinciale, compreso il 'duumvirato' che governa il medesimo mandamento.

I militari dell'Arma nell'ambito dell'operazione Stirpe, su provvedimento della Dda di Palermo, hanno  arrestato Giuseppe Greco, 63 anni, figlio di Salvatore Greco, detto 'Il senatore', fratello di Michele, il 'papa di Ciaculli'; Ignazio Ingrassia, 71 anni, detto 'boiacane' e Giuseppe Giuliano, 58 anni. Già dall'operazione 'Cupola 2.0' del dicembre 2018 era emersa la figura di di Leandro Greco, giovane nipote dello storico boss Michele Greco. Il fratello di quest'ultimo, è emerso dalle indagini, ha assunto il ruolo di reggente del mandamento di Ciaculli, dopo l'arresto di Leandro Greco e si occupa di relazionarsi con le dipendenti famiglie mafiose di Brancaccio, Roccella e Corso dei Mille. "Il presupposto per assicurare nel tempo ai due l'egemonia sulle altre famiglie assorbite sotto l'influenza del mandamento mafioso di Ciaculli (già Brancaccio) è stato assicurato dal rapporto di parentela con il boss mafioso Michele Greco. 

Leandro è nipote del 'papa di Ciaculli' in linea diretta, mentre Giuseppe Greco è figlio di Salvatore Greco, detto 'Il senatore', fratello di Michele. Ignazio Ingrassia sarebbe invece il consigliere, fornendo il suo apporto al vertice del mandamento nella gestione di delicate tematiche territoriali. Il vertice del mandamento si è inoltre occupato dell'amministrazione del circuito dell'approvvigionamento e smercio di sostanze stupefacenti, costringendo alcuni soggetti dediti al fruttuoso affare, a versare somme di denaro da destinare alla cassa del mandamento mafioso. Giuseppe Greco sarebbe infatti riuscito a intessere un delicato rapporto di coordinamento tra i mandamenti palermitani al fine di acquistare all'ingrosso stupefacenti dalla 'ndrangheta calabrese, il più grande importatore in Italia di cocaina. Ingrassia, anziano e influente esponente del mandamento, avrebbe intrattenuto il canale di comunicazione con gli esponenti calabresi ma non solo.

La figura di Ingrassia emerge inoltre in dinamiche che fanno trasparire la dimensione transnazionale dell'influenza degli uomini d'onore di Ciaculli, in particolare con la Cosa nostra statunitense. "Un elemento di assoluto rilievo - sostengono gli investigatori dell'Arma - è stato acquisito dagli inquirenti in occasione dell'omicidio del mafioso newyorkese Frank Calì, esponente apicale della famiglia Gambino di New York, comunicata tempestivamente all'anziano consigliere del boss Greco". Mentre Giuseppe Giuliano, detto il "folonari", più volte si è incontrato con Giuseppe Greco, in seguito a delle dispute in seno alla famiglia di corso Dei Mille su cui è dovuto intervenire, per derimere la questione, Giuseppe Greco, "il senatore".

Nell'ambito dell'operazione antimafia Tentacoli, la polizia di Stato ha arrestato Giovanni Lisciandro, 70 anni; Stefano Nolano, 432 anni; Angelo Vitrano, 63 anni; Maurizio Di Fede, 53 anni; Gaspare Sanseverino, 48 anni; Girolamo Celesia, 53 anni; Sebastiano Caccamo, 66 anni; Giuseppe Ciresi, 32 anni; Claudio Onofrio Palma, 43 anni; Rosario Montalbano, 35 anni; Filippo Marcello Tutino, 60 anni; Salvatore Gucciardi, 41 anni; Giuseppe Caserta, 46 anni. Si tratta di appartenenti alle famiglie mafiose di Roccella e di Brancaccio accusati, a diverso titolo, per associazione mafiosa, armi, ed estorsione aggravata. Oltre 50 le estorsioni emerse e nessuna denuncia, nell'ambito delle indagini della tranche di indagine della polizia di Stato che ha inoltre permesso di individuare  capi e gregari delle due famiglie mafiose.

Secondo gli investigatori della Polizia  al vertice della famiglia mafiosa della Roccella sarebbero Giovanni Di Lisciandro e Stefano Nolano. Vitrano si sarebbe occupato del raccordo con elementi di spicco della famiglia Ciaculli mentre Di Fede sarebbe la mente operativa della famiglia mafiosa, con compiti di promozione ed organizzazione delle estorsioni e del traffico di stupefacenti. Montalbano, Gucciardi, Palma e Ciresi farebbero parte della squadra di estorsori sotto il controllo Di Fede e ritenuti organici alla compagine mafiosa della Roccella. Riscontrata anche la disponibilità di armi funzionanti. 

Per la famiglia di Brancaccio, spiccano i nomi di Girolamo Celesia e Filippo Marcello Tutino: il primo, considerato personaggio di rilievo in seno alla famiglia mafiosa, ha partecipato a riunioni a massimi livelli del mandamento mafioso, anche con i Greco di Ciaculli e coordinato le attività criminali, droga ed estorsioni, sul territorio, il secondo "ha fatto valere la sua esperienza ed il suo blasone mafioso nella gestione dei rapporti tra i sodali dispensando consigli anche sulle modalità di approccio nei confronti delle vittime di estorsione". Tra gli esattori della famiglia di Brancaccio, figura Gaspare Sanseverino, punto di riferimento di Celesia e della famiglia per le estorsioni. 

 

 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    mafiablitz palermooperazione antimafia palermo
    in evidenza
    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    Corporate - Il giornale delle imprese

    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    i più visti
    in vetrina
    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"





    casa, immobiliare
    motori
    Jeep presenta Wrangler 4xe Model Year 2022

    Jeep presenta Wrangler 4xe Model Year 2022


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.