A- A+
Cronache
Mafiosi, già condannati, ma con il reddito di cittadinanza: 25 denunciati

Condannati per mafia ma col reddito di cittadinanza

Erano già stati condannati per estorsioni, usura, traffico di sostanze stupefacenti, voto di scambio,  maltrattamento e competizioni clandestine con animali, e tuttavia avevano chiesto e ottenuto il reddito di cittadinanza, sussidio di cui godevano loro, i mafiosi, e i propri famigliari.

I Finanzieri del Comando provinciale della Guardia di Finanza di Messina hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo di somme percepite da persone che non avevano diritto al reddito di cittadinanza, in quanto condannati a titolo definitivo nell’ultimo decennio per reati di mafia, oppure familiari di soggetti condannati per gli stessi reati. Denunciate a Messina e provincia 25 persone.

I finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Messina, in collaborazione con l’Inps, hanno svolto indagini per individuare condotte penalmente rilevanti, finalizzate all’illecita riscossione del beneficio. Il reddito di cittadinanza, infatti, è riconosciuto ai nuclei familiari che, al momento della presentazione della domanda e per tutta la durata dell’erogazione del beneficio, siano in possesso dei requisiti di cittadinanza, residenza e soggiorno, reddituali e patrimoniali, oltre che, tra l'altro, non essere stati condannati, nell'ultimo decennio, con sentenza passata in giudicato, per reati di mafia.

L'attività svolta ha portato alla denuncia di 25 persone, sventando così una frode di circa 330mila euro, che sarebbe stata perpetrata da soggetti condannati per reati di mafia o loro familiari che avevano omesso di dichiarare il proprio status nell’istanza per ottenere il beneficio.

Le persone condannate per reati di tipo mafioso fanno parte, a vario titolo, dei clan di maggiore spicco di Messina e provincia, quali Santapaola-Romeo, Sparacio, Spartà, Galli, Batanesi-Bontempo Scavo, De Luca, Mangialupi, Camaro, Tortoriciani, Ventura, Ferrante e Cintorino. Tra le principali attività illecite, per le quali quanti sono stati coinvolti nell’indagine risultano essere condannati, spiccano le estorsioni, l’usura, il traffico di sostanze stupefacenti, il voto di scambio, il maltrattamento e l’organizzazione di competizioni non autorizzate di animali.

Sulla scorta di quanto emerso, il giudice delle indagini preliminari del tribunale di Messina, accogliendo la proposta della procura, ha pertanto disposto il sequestro delle somme considerate indebitamente percepite. Per l'illegittima percezione del reddito di cittadinanza, nei casi più gravi, la legge prevede anche la reclusione da 2 a 6 anni. 

Commenti
    Tags:
    mafiosireddito di cittadinanzamafiosi con reddito di cittadinanzamessinasicilia
    Loading...
    in evidenza
    Wanda Nara, giungla "bollente" Foto che lasciano a bocca aperta

    Lady Icardi da sogno

    Wanda Nara, giungla "bollente"
    Foto che lasciano a bocca aperta

    i più visti
    in vetrina
    Belen: "Sono sparita dai social, è vero, ma c'è un motivo: sono gelosa"

    Belen: "Sono sparita dai social, è vero, ma c'è un motivo: sono gelosa"





    casa, immobiliare
    motori
    Gladiator segna il ritorno del marchio Jeep® nel segmento dei pick-up

    Gladiator segna il ritorno del marchio Jeep® nel segmento dei pick-up


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.