A- A+
Cronache
E il caldo? Non tornerà a breve. Teoria choc: anno senza estate
 


Niente di buono dal cielo. Fino a giovedì ancora maltempo, fresco e nubifragi. Poi una pausa ma con temperature molto gradevoli e per nulla torride. Attenzione, però, perché in seguito arriveranno altre nubi dall'Atlantico che porteranno nuove piogge al settentrione. E qualcuno comincia ad avanzare un'ipotesi clamorosa: e se almeno al Nord il 2014 fosse un anno senza estate?

LE PREVISIONI DE ILMETEO.IT

 

Non si fermerà almeno fino a giovedì la furia del ciclone Gea che ieri ha devastato molte città dell’Italia settentrionale creando notevoli disagi e danni. Questo ciclone non è tipico del mese di Luglio e la sua discesa in Italia, come del resto altre depressioni succedutesi nella nostra Penisola, conferma che è in atto un cambiamento del clima. Ma veniamo alla nostra Italia. La redazione web del sito www.ilmeteo.it ci comunica che il ciclone Gea sosterà in Italia almeno fino a venerdì portando nuovi temporali e nubifragi, soprattutto al Nordest, come Emilia Romagna, Veneto e su parte del Centro, come in Toscana. Inutile dire che i fenomeni potranno risultare molto forti, accompagnati da grandine e raffiche di vento.  L’estate si prenderà una pausa, almeno al Nord e anche le temperature scenderanno in picchiata raggiungendo valori tipici della Primavera con non più di 18/23° al Nord e al Centro. Quando tornerà il caldo?

Antonio Sanò, direttore e fondatore del sito www.ilmeteo.it avvisa che dopo il passaggio di Gea la pressione sarà in aumento e con lei anche le temperature che torneranno ad avere connotati tipicamente estivi, ma molto gradevoli. Le ultime elaborazioni però ci dicono che nuovi fronti perturbati dal nord atlantico sono pronti per raggiugere le regioni settentrionali e quindi ancora temporali e fresco.

Il 2014 sarà un anno senza estate? È già successo. La teoria choc

No, non siamo diventati improvvisamente Alberto Angela, ma questa domanda ce la siamo fatta un po’ tutti, in seguito ai nubifragi che si sono abbattuti nelle nostre città in questo primo mese estivo. Può esistere un anno senza estate? La risposta è sì.
 
Il 1816 - come si legge su http://www.dailybest.it/ - è chiamato anche Eighteen hundred and froze to death (1800 e si moriva di freddo nei paesi di lingua inglese), oppure l’anno della povertà, un’altra analogia coi tempi moderni. Gravi anomalie al clima estivo distrussero i raccolti nell’Europa settentrionale, in Canada orientale e nel nord-est degli Stati Uniti.
 
Lo storico John D. Post lo ha battezzato “l’ultima grande crisi di sopravvivenza nel mondo occidentale”.
 
Oggi si ritiene che le aberrazioni climatiche furono causate dall’eruzione vulcanica del Tambora, nell’isola di Sumbawa dell’attuale Indonesia (allora Indie olandesi), avvenuta dal 5 al 15 aprile 1815, eruzione che immise grandi quantità di cenere vulcanica negli strati superiori dell’atmosfera. Il vulcano Soufrière nell’isola di Saint Vincent nei Caraibi nel 1812, e il Mayonnelle Filippine nel 1814, avevano già eruttato abbondanti polveri nell’atmosfera. Come è comune a seguito di grandi eruzioni vulcaniche, la temperatura globale si abbassò poiché la luce solare faticava ad attraversare l’atmosfera. Tali fenomeni si sovrapposero ad un periodo in cui si verificò il Minimo di Dalton in cui si ritiene che il sole abbia emanato meno energia. [via]
 
Durante le incessanti nevicate nel luglio del 1816, Mary Shelley scrisse “Frankenstein” e John William Polidori scrisse “Il Vampiro”. Come a dire che non tutto il male vien per nuocere. I livelli di cenere di quell’anno furono altissimi e resero i tramonti spettacolari, come testimoniano i dipinti di J.M.W. Turner.

Tags:
maltempo
in evidenza
Chiara Ferragni: look audace al concerto di Fedez. Foto

"E' il mio corpo, la mia scelta"

Chiara Ferragni: look audace al concerto di Fedez. Foto

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari EssilorLuxottica e Meta: ecco i nuovi Smart Glasses Ray-Ban Stories

Scatti d'Affari
EssilorLuxottica e Meta: ecco i nuovi Smart Glasses Ray-Ban Stories





casa, immobiliare
motori
Renault elettrifica la gamma commerciale con Kangoo van e-tech

Renault elettrifica la gamma commerciale con Kangoo van e-tech


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.