A- A+
Cronache
ambulanza 500

Spara alla moglie, poi si suicida. E' successo a Marina di Massa intorno all'ora di pranzo. Teatro della sparatoria l'interno di un ristorante sul lungomare che si affaccia sulle spiagge in queste ore affollatissime. Marco Loiano (di circa 40 anni), l'ex marito - secondo quanto appreso - e' entrato nel locale armato di pistola e ha sparato all'ex moglie Cristina Biagi (che lavorava lì come cameriera) ferendola a morte.  Poi è fuggito in strada e, quando qualcuno gli ha urlato contro "assassino", si è fermato e si è tolto la vita.

Prima di raggiungere la donna, l'omicida-suicida aveva ferito gravemente il nuovo compagno della ex moglie, Salvatore Gambino, mentre cercava di fuggire in bicicletta.

"Lei lo aveva denunciato spesso, viveva con i suoi genitori e lui veniva sotto casa a minacciarla": è il racconto di Maria, una vicina di casa dei genitori di Cristina Biagi.

Secondo quanto riferito dagli inquirenti, i due figli della coppia separata si trovavano a casa della nonna al momento della tragedia e non invece sul luogo del delitto.

Tags:
omicidimassa carrara
in evidenza
Vacanza da sogno per i Ferragnez In Puglia tra masserie di lusso

Savelletri, Torre Canne e...

Vacanza da sogno per i Ferragnez
In Puglia tra masserie di lusso

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
Stellantis: tornano gli incentivi statali per i veicoli commerciali leggeri

Stellantis: tornano gli incentivi statali per i veicoli commerciali leggeri


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.