A- A+
Cronache
Medico anestesista ammette: "Ho aiutato a morire un centinaio di persone"
La trombosi uccide più del cancro e dell’Aids

"Ho aiutato a morire un centinaio di malati. Non la chiamo anestesia letale ma dolce morte, è una questione di pietà". Faranno discutere le parole del medico anestesista sassarese Giuseppe Maria Saba, 87 anni, già ordinario di Anestesiologia e rianimazione all’Università di Cagliari prima e poi alla Sapienza di Roma, in un‘intervista esclusiva al quotidiano L’Unione Sarda. Una nuova testimonianza, nell’ambito del dibattito sull’eutanasia, e la volontà di parlare, "perché non ne posso più - ha spiegato Saba - del silenzio su cose che sappiamo tutti. Parlo dei rianimatori. La dolce morte è una pratica consolidata negli ospedali italiani, ma per ragioni di conformismo e di riservatezza non se ne parla". Saba si dichiara laico e dice di non credere ai miracoli. E - aggiunge - non è la prima volta che parla di dolce morte: "Nel 1982 in un’altra intervista ho raccontato di aver dato una mano ad andarsene a mio padre e, più tardi, anche a mia sorella", e di essere, per se stesso, "per l’auto-eutanasia. Ho un accordo preciso con mia moglie".

Per essere in pace con la coscienza ed essere rispettosi del Codice deontologico dei medici - spiega ancora Saba nell’intervista -, alcuni parlano di “desistenza terapeutica” anziché di eutanasia ma "il termine desistenza, cioè smetto di ventilarti meccanicamente, significa che sto comunque staccandoti la spina". Alla domanda del giornalista Giorgio Pisano su quando è "il momento di intervenire", il medico risponde con un episodio: "Avevo un amico ricoverato: blocco renale e convulsioni. Il collega che lo seguiva mi ha chiesto: che facciamo? Ho risposto: io gli darei un Talofen. È un farmaco che, ad alto dosaggio, blocca la respirazione. Tecnicamente è un ganglioplegico. Credo gliel’abbiano dato, il Talofen. Il giorno dopo era in obitorio".

Nella sua carriera (è in pensione dal 1999), Saba dice di aver aiutato i malati "quando era necessario, quando te lo chiedono e quando tu, nella veste di medico, ti rendi conto che hanno ragione. Che senso ha prolungare un’agonia, assistere allo strazio di dolori insopportabili che non porteranno mai a una guarigione?". Per questo, conclude, «non ho nulla di rimproverare a me stesso. L’ho sempre fatto di fronte a situazioni che non avevano altra via d’uscita». Saba aveva rilasciato dichiarazioni analoghe nel 2007 in un’intervista a La Nuova Sardegna, quando sui giornali si parlava di Giovanni Nuvoli, l’algherese malato di Sla che - come qualche anno prima Piergiorgio Welby - aveva chiesto di morire. Saba si era detto favorevole a una legge che, in casi particolari e accertata la volontà del malato, consentisse la dolce morte. E aveva confermato di aver aiutato dei malati terminali di cancro a morire: "Soffrivano le pene dell’inferno, sono stati loro a domandarmi di aumentare la dose di analgesico perché non volevano più restare in quelle condizioni".

Tags:
medicoanestesista
in evidenza
Casaleggio-Sabatini, che coppia Mano nella mano in dolce attesa

Paparazzati in un hotel di lusso

Casaleggio-Sabatini, che coppia
Mano nella mano in dolce attesa

i più visti
in vetrina
Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo

Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo





casa, immobiliare
motori
Prende il via da Cagliari il raoadshow ELECTRIQA firmato Mercedes

Prende il via da Cagliari il raoadshow ELECTRIQA firmato Mercedes


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.