A- A+
Cronache
Lavora 15 giorni in 9 anni. "La legge lo consente". Medico reintegrato

In nove anni era stato al lavoro solo 15 giorni. Nulla di scandaloso, sosteneva lui: la legge lo consente. E così Paolo Micali Bellingheri, medico al pronto soccorso dell'ospedale Sant'Isidoro di Giarre, in provincia di Catania, tra borse di studio, congedi parentali, malattie e aspettative per dottorati in ricerca negli ultimi 9 anni è stato visto al massimo per una quindicina di giorni. Precisamente dal 4 al 21 maggio 2005, un record.

Lo "psicoterapeuta, psicologo, psichiatra, sessuologo, esperto di ipnosi, counselor filosofico", come si definisce sul suo sito Internet, non ha violato di un pelo la legge, passando da congedi parentali, aspettative e permessi per studiare e aggiornarsi. Ha anche preso diverse borse di studio fino a brevettare un metodo psicogenerativo applicabile a una quantità di malattie che ha del miracoloso. Il tutto, ovviamente, per il bene dell'ospedale.

Tutto regolare tanto che il medico avrebbe dovuto rimanere a casa fino al 2016. Ma qualcosa è andato storto. E' stato richiamato al lavoro, non in corsia ma in un ufficio amministrativo. Alla magistratura tocca ora il compito di capire se dietro queste lunghe assenze, ufficialmente consentite, ci sia stata la complicità dei vertici dell'azienda sanitaria.

Tags:
medicoreintegrato
in evidenza
Blasi, fuga romantica in Trentino È giallo sull'accompagnatore

Ilary in vacanza sui monti- FOTO

Blasi, fuga romantica in Trentino
È giallo sull'accompagnatore


in vetrina
Automotive ALD2Life continua a crescere: nel 2022 quattromila nuovi contratti

Automotive
ALD2Life continua a crescere: nel 2022 quattromila nuovi contratti





casa, immobiliare
motori
Nave Destriero: da 30 anni un record imbattuto

Nave Destriero: da 30 anni un record imbattuto


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.