A- A+
Cronache

Di John Law

C'è un “caso marò” per gli americani rispetto all'Italia, ed è il caso di Amanda Knox, la studentessa americana accusata dell'omicidio di Meredith Kercher, avvenuto a Perugia la notte tra il primo e il due novembre del 2007. L'opinione pubblica americana, cioè, segue le vicende processuali italiane che riguardano la loro concittadina con la stessa incredulità e la stessa diffidenza con cui noi seguiamo il processo-farsa che sta per iniziare in India a carico dei nostri due marinai. E' una questione di “spread” giudiziario. Un anno e mezzo dopo l'assoluzione in Appello di Amanda e del suo coimputato Raffaele Sollecito, la Cassazione ha annullato la sentenza di secondo grado e disposto un nuovo giudizio.

Una condotta inspiegabile, agli occhi degli americani. Anche per le dinamiche della vicenda. I tempi, biblici (e sì che in Italia di solito ci vogliono più di sei anni per avere la sentenza di Cassazione); ma anche i dettagli procedurali, come ad esempio la vergognosa polemica sull'accuratezza dei rilievi scientifici, per la quale nell'estate del 2011 i periti della corte di Assise di Appello bocciarono il lavoro svolto dalla polizia scientifica, definendo gli accertamenti tecnici "non attendibili", sia per il Dna ritrovato sul coltello (e attribuito a Meredith) sia per quello riconducibile  a Raffaele Sollecito sul gancetto del reggiseno, e addirittura “non esclusero” che i risultati delle analisi potessero derivare da contaminazioni...

Negli Usa un processo penale per omicidio dura in media meno di un anno. Come del resto in Germania. Non è la produttività dei magistrati in discussione – i nostri lavorano molto – né il loro numero, quanto la farraginosità delle procedure. E la frequenza delle revisioni delle prime e seconde sentenze. Come se Procure e corti di primo grado lavorassero con i piedi. C'è anche questo, di “spread” tra l'Italia e l'estero a lavorare contro la nostra credibilità internazionale. E questo senza essere innocentisti su Amanda, ma in assoluta neutralità: se è colpevole, meritava di essere incastrata assai prima. Se è innocente, questa tortura delegittima la nostra giustizia e demolisce lei.

Tags:
meredithamanda knoxmarò
in evidenza
Ufficiale: esiste un'anti-Ferragni. Si chiama Aurora Baruto e ha 4 mln di follower

GUARDA LE FOTO

Ufficiale: esiste un'anti-Ferragni. Si chiama Aurora Baruto e ha 4 mln di follower

i più visti
in vetrina
Zity: a Milano il nuovo carsharing 100% elettrico

Zity: a Milano il nuovo carsharing 100% elettrico





casa, immobiliare
motori
Mercedes me Charge le nuove offerte per i clienti elettrificati della Stella

Mercedes me Charge le nuove offerte per i clienti elettrificati della Stella


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.