A- A+
Cronache
Papa Francesco

Un'omelia giocata sul tema del perdono e del servizio. È con parole semplici e piene di affetto che papa Francesco ha incontrato i ragazzi reclusi a Casal del Marmo, il carcere minorile di Roma, nel corso della Messa del Giovedì Santo. Il Papa ha inoltre lavato i piedi a 12 ragazzi, tra cui due ragazze, come nel pomeriggio ha anticipato il Garante dei detenuti del Lazio Angiolo Marroni. Si è trattato di un'italiana di religione cattolica ed una serba nata a Roma, ma di religione islamica. Gli altri dieci ragazzi cui Papa Francesco ha lavato i piedi sono stati scelti per rappresentare sia le diverse nazionalità presenti nel Carcere di Casal del Marmo che le religioni attualmente professate presso il carcere minorile: oltre ai cristiano cattolici, infatti, i ragazzi sono cristiano ortodossi e musulmani (in totale, ha chiarito il portavoce vaticano padre Federico Lombardi, il Papa ha lavato e baciato i piedi di due ragazzi di religione musulmana). I dodici giovani sono stati scelti fra i 50 minori attualmente ospiti della struttura. Per compiere il rito della lavanda, il Papa - ha precisato padre Lombardi - si è inginocchiato 6 volte, con un certo impegno fisico per i suoi 76 anni.

OMELIA BREVE MA POTENTE- Il Papa spiega: “Fra noi quello che è più alto deve essere al servizio degli altri, è un segno, lavare i piedi. E questo che io faccio lavandovi i piedi, e lo faccio con amore, è un dovere per me vescovo e prete. Ma mi viene dal cuore. Ma anche voi aiutateci sempre. Adesso faremo questa cerimonia di lavarci i piedi e io davvero sono disposto a servire l'uno all'altro, penso questo: è una carezza di Gesù". L'americano “Catholic News Service” osserva su Twitter che l'omelia è molto breve, poi si chiede se nascerà un nuovo stile di predicazione ispirato alla brevitas papale. Ma è un'omelia intensa. Il pontefice lava i piedi ai ragazzi mentre gli altri ospiti di Casal del Marmo suonano le chitarre, ha indosso un camice che gli è stato prodotto e donato dai ragazzi di Belluno, della comunità “Villa San Francesco” che accoglie giovani con problemi familiari alle spalle. Il tessuto è venuto dalla Terrasanta. Prima della lavanda dei piedi, Jorge Mario Bergoglio sottolinea con una battuta: “Non è che dobbiamo lavarci tutti i giorni i piedi” l'uno con l'altro, ma dice loro: “alle volte sono arrabbiato, con qualcuno. Ecco allora posso dirmi: 'lascia perdere'. E fare invece qualcosa per lui”. E commenta nell'omelia la lavanda dei piedi. "Questo - ha detto – è commovente: Gesù che lava i piedi. Pietro non capiva, rifiutava, ma Gesù gli ha spiegato: 'capite quello che ho fatto per voi'. Mi chiamate maestro e Signore, fate bene, io lo sono. Vi ho dato un esempio perché anche voi facciate così”. Dopo la lavanda il Papa abbraccia i giovani nel corso dello scambio del segno di pace.

A PROPOSITO DEL SERVIZIO- Sempre in tema di servizio, Francesco osserva: “Aiutarci l'un l'altro: questo è ciò che Gesù ci insegna". "E questo - ha detto testualmente – è ciò che io faccio. E lo faccio di cuore perché è il mio dovere come prete e come vescovo. E' un dovere che mi viene dal cuore. Amo farlo perché il Signore così mi ha insegnato. Ma anche voi - conclude Papa Francesco rivolto ai ragazzi - aiutateci sempre e così aiutandoci ci faremo del bene. Ciascuno di noi pensi: sono disposto a servire, sono disposto ad aiutare l'altro? Questo segno è una carezza di Gesù che è venuto proprio per questo, per servire, per aiutarci".

IL RINGRAZIAMENTO AI GIOVANI- Papa Francesco ha voluto ringraziare i ragazzi di Casal del Marmo prima di lasciare il carcere minorile. "Le cose di oggi mi aiuteranno a essere umile servitore, come deve essere un vescovo", ha spiegato rivolto ai giovani. "Quando ho chiesto - ha poi raccontato - dove poteva essere gradita una visita, mi hanno detto a Casal del Marmo e io sono venuto qui. Mi è venuto dal cuore, le cose del cuore non hanno spiegazione".

SEVERINO: HA DATO SENSO AL NOSTRO CUSTODIRE- Un ringraziamento anche dal ministro della giustizia Paola Severino: "Nella parola custodire che lei ha utilizzato nella messa d'inizio Pontificato: c'è un senso speciale, tenere dentro il cuore. Questi ragazzi sono custoditi con tanta anima, hanno trovato qui la possibilità di ritrovare il loro futuro". "Prima i nostri agenti si chiamavano agenti di custodia, non amano essere chiamati così, ma dopo le sue parole riproporrei di nuovo questo nome", ha continuato il ministro Severino. "Lei è il primo custode per questi ragazzi che vogliono una vita futura semplice e onesta", ha poi detto al Papa. Nell'accomiatarsi Francesco ha detto ai giovani: "Adesso mi congedo, ragazzi. Pregate per me. Non lasciatevi rubare la speranza, sempre avanti". Il Papa è poi riaprtito a bordo della "Passat" di servizio della Gendarmeria, avendo rinunciato anche oggi alla vettura Mercedes targata "Scv 1".

UN GESTO FATTO ANCHE A BUENOS AIRES- Il Papa ha sempre prediletto gli ultimi e i deboli per il rito della lavanda dei piedi. Lo ha fatto nelle carceri, in ospedali, in ricoveri di persone sole o malate di AIDS come già nel 2001, quando visitò l'ospedale bairense Muñiz e compì il rito della lavanda dei piedi ai malati della peste del secolo. Il “copione” è stato anche allora lo stesso: Bergoglio è arrivato vestito col clergyman scuro ed un portafogli nero in mano. Ha lavato e baciato i piedi agli ammalati, distribuito la Comunione nei reparti. In quell'occasione ha spiegato al foglio argentino “La Nacion”: “La società si dimentica di poveri e infermi. Per questo ho preferito andare in posti dove le persone vivono delle sofferenze”. L'anno prima era stato in carcere, a lavare i piedi ai prigionieri. Un filo coerente che Francesco sta svolgendo anche a Roma.

Antonino D'Anna

Tags:
francescomessareclusicasal del marmopapa
in evidenza
Maria Moran mozzafiato, la Diletta Leotta del calcio spagnolo

Lato A e B da urlo. LE FOTO

Maria Moran mozzafiato, la Diletta Leotta del calcio spagnolo


in vetrina
Automotive, da ALD arrivano nuove soluzioni di mobilità sostenibile

Automotive, da ALD arrivano nuove soluzioni di mobilità sostenibile





motori
Opel Zafira-e Life, il salotto amato anche dagli amici animali

Opel Zafira-e Life, il salotto amato anche dagli amici animali

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.