A- A+
Cronache
Migranti, arrivano i vichinghi. Interrogazione sulle gang nigeriane

GANG CRIMINALI PARAMILITARI DI IMMIGRATI EXTRACOMUNITARI IN ITALIA: NE PARLA LA STAMPA INGLESE (NON LA STAMPA ITALIANA MAINSTREAM…). ECCO LA MIA INTERROGAZIONE PARLAMENTARE (DIRANNO CHE VA TUTTO BENE, CHE TUTTO E’ A POSTO?).
 
 
Al Ministro dell'interno - Per sapere - premesso che:
 
il nostro Paese è la principale meta dei flussi migratori verso l’Europa con numeri in esponenziale aumento negli ultimi anni;
 
tale fenomeno, di difficile gestione, determina,  ovviamente, anche problemi di sicurezza come riconosciuto dallo stesso Procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo, Franco Roberti, che, tra i vari timori espressi al Comitato Schengen sul fenomeno migratorio, ha posto l’attenzione anche sui migranti nigeriani. Secondo Roberti, infatti, “Sta arrivando un enorme numero di nigeriani. C’è una comunità criminale nigeriana che fa paura. Le associazioni criminali nigeriane hanno caratteri ancora più strutturate delle mafie italiane. La differenza è che i nigeriani in Italia trafficano in droga e prostituzione, ma non attaccano il territorio. Per ora.”
 
con un articolo dello scorso 29 giugno il Times, proprio sul tema della comunità criminale nigeriana, ha lanciato un vero e proprio allarme per il nostro Paese. Secondo il quotidiano inglese, infatti, dei gruppi di migranti nigeriani, che in un primo momento collaboravano con le mafie per lo sfruttamento della prostituzione ed il traffico delle droghe, si stanno ora organizzando in bande paramilitari per il controllo del territorio italiano. Notizia questa che è stata riportata, qualche settimana dopo, anche dal Guardian;
 
sempre secondo il Times, queste gang criminali, soprannominate dall’intelligence britannica “I Vichinghi”, hanno prima controllato il traffico di esseri umani, ed oggi usano il capoluogo siciliano come punto d’approdo e smistamento in Italia per centinaia di migliaia d’immigrati clandestini”;
 
Rodolfo Ruperti, capo della polizia di Palermo, ha dichiarato al Times che “la gang dei Vichinghi è sorta per colmare il vuoto di una altra gang nigeriana sgominata dalla polizia”;
 
il rischio concreto è che queste organizzazioni, con capi presenti in ogni città, possano decidere, in futuro, anche di armare i centri di accoglienza e coloro che vivono in clandestinità per fronteggiare le forze dell’ordine in eventuali atti di guerriglia urbana;
 
sempre secondo la stampa britannica, tale situazione viene costantemente monitorata dall’intelligence inglese con Scotland Yard che avrebbe consigliato maggiore controllo sui voli in entrata dall’Italia, e perquisizioni accurate sui vettori su rotaia e gomma che attraversano il canale. In Francia, invece, già in due occasioni la polizia ha fronteggiato gruppi paramilitari nelle banlieue parigine, ricorrendo anche al supporto dell’esercito;
 
secondo la relazione della DIA, Direzione Investigativa Antimafia, 2017 tra i gruppi criminali stranieri che in Italia hanno dimostrato una notevole versatilità nel traffico degli stupefacenti e nello sfruttamento della prostituzione, unite ad una “forte capacità adattativa all’ambito territoriale in cui si trovano ad operare”, vi sono, senza dubbio, i nigeriani;
 
Chiede di sapere:
se il Ministro sia a conoscenza di tale preoccupante situazione riguardante la criminalità organizzata nigeriana, se abbia ricevuto rapporti dall’intelligence che confermino il quadro emerso dall’inchiesta giornalistica britannica  e quali concrete iniziative intenda intraprendere per scongiurare il proliferare di questo fenomeno criminale.
 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
migrantigang nigerianedaniele capezzonevichinghi times
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"





casa, immobiliare
motori
Nuova Dacia Jogger, la familiare sette posti

Nuova Dacia Jogger, la familiare sette posti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.