A- A+
Cronache
Migranti, Guardia Costiera contro le Ong: "Intralciano i soccorsi in mare"

Migranti, sequestrata la nave di Banksy. Ecco chi è la capitana

Tra la Guardia Costiera e le navi Ong nel Mediterraneo adesso è scontro aperto. Durissimo il comunicato dell'autorità di vigilanza del mare nei confronti dell'organizzazioni no profit per il salvataggio di migranti. La Guardia Costiera ieri - si legge sul Corriere della Sera - ha fatto sapere con una nota di aver soccorso "in 48 ore oltre 3.300 persone a bordo di 58 imbarcazioni» nel Mediterraneo. Questo per replicare a chi aveva lanciato accuse dopo il naufragio di Cutro. Attenzione, però. La nota conteneva anche un avverbio: «Ciononostante». E si riferiva, in modo chiarissimo, alle Ong. Accusate per la prima volta apertamente di essere un ostacolo alle operazioni di soccorso in mare anziché un aiuto. Un attacco frontale. La colpa innanzitutto — è scritto nella nota — è delle «continue chiamate dei mezzi aerei delle Ong», segnalazioni che in questi giorni di flussi record hanno «sovraccaricato i sistemi di comunicazione del Centro nazionale di coordinamento dei soccorsi, sovrapponendosi e duplicando le segnalazioni dei già presenti assetti aerei dello Stato italiano».

E arriva anche sequestro di una nave Ong, si tratta della Louise Michel, la nave che porta lo stesso nome della Ong a cui appartiene e che l’artista Banksy - prosegue il Corriere - ha finanziato. La capitaneria di porto di Lampedusa ha sottoposto la Louise Michel al fermo amministrativo (che prevede sanzioni dai 2 ai 10 mila euro) appena sono finite le operazioni di sbarco di 178 migranti raccolti nel Mediterraneo da quattro diverse barche in difficoltà. "L’unità, nello specifico", dice la nota della Guardia Costiera, "dopo un primo intervento di soccorso nelle acque libiche, contravveniva alla disposizione di raggiungere il porto di Trapani, dirigendo invece su altre tre unità di migranti sulle quali, peraltro, stavano già dirigendo in soccorso i mezzi della Guardia costiera italiana». La capitana di quella nave è Pia Klemp ha una storia che ricorda molto da vicino quella di Carola Rackete, la «capitana» arrestata (poi rilasciata e assolta) nel 2019 per aver «disobbedito» alle disposizioni di Matteo Salvini in un’operazione di soccorso in mare. La stessa Pia Klemp finì a giudizio per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, in un processo ancora aperto.

Migranti: click day, alle 19 presentate oltre 240mila domande

Primo bilancio del 'click day' del decreto flussi 2022. Alle 9.00 di oggi - ricorda il Viminale - e' iniziato l'invio delle domande per l'ingresso di lavoratori stranieri per motivi di lavoro subordinato, anche stagionale, nell'ambito delle quote fissate in 82.705 unita': alle 19, le istanze pervenute sono gia oltre 240 mila. Tutte le domande sono state regolarmente caricate nella piattaforma telematica, che quest'anno si presenta rinnovata e piu' funzionale rispetto al passato. "Le domande presentate - spiega il ministero - saranno distribuite per ambito provinciale a ciascuno Sportello unico per l'immigrazione, che procedera' a istruirle, tramite un sistema informatico dedicato, nel rispetto del limite delle quote che saranno comunicate in via telematica dal ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. La procedura e' completamente informatizzata e assicura snellezza e rapidita' ad utenti e amministrazioni coinvolte".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
guardia costieramigrantiongpia klemp
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Atleta iraniano di MMA prende a calci una ragazza che non indossa il velo

Foto e video

Atleta iraniano di MMA prende a calci una ragazza che non indossa il velo


in vetrina
Affari in Rete

Affari in Rete





motori
Dacia rivoluziona il nuovo Duster, più tecnologico e sostenibile

Dacia rivoluziona il nuovo Duster, più tecnologico e sostenibile

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.