A- A+
Cronache
Morte dirigente Digos: Potenza, si indaga per omicidio

La pista passionale e' quella su cui stanno concentrando le indagini sulla morte di Anna Esposito, dirigente della Digos della questura di Potenza trovata morta nel suo alloggio il 12 marzo 2001. All'epoca il decesso fu catalogato come suicidio, in base agli elementi riscontrati dagli investigatori. La donna fu trovata con una cintura stretta attorno al collo, ma i medici che effettuarono l'autopsia descrissero il suicidio come 'atipico', perche' la cinta non era posizionata sulla nuca ma sul lato destro del collo, ovvero in modo incompleto' perche' era mancata la sospensione del corpo e quindi lo strozzamento.

Nonostante questo, il fascicolo fu chiuso. Ora il caso e' stato riaperto e, anche grazie a nuove perizie sugli oggetti trovati nella stanza, sono stati individuati elementi che avrebbero portato i sostituti procuratori di Potenza, Francesco Basentini e Valentina Santoro a indagare una persona. L'ipotesi di reato e' omicidio volontario e il movente potrebbe essere legato a una relazione sentimentale.

Tags:
digosomicidio
in evidenza
Paragone, picconate a Burioni "Ti ho denunciato e...". VIDEO

Politica

Paragone, picconate a Burioni
"Ti ho denunciato e...". VIDEO

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
Stellantis: tornano gli incentivi statali per i veicoli commerciali leggeri

Stellantis: tornano gli incentivi statali per i veicoli commerciali leggeri


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.