A- A+
Cronache
Morto il cardinale Pell, giallo sulle cause. Colpo da Becciu: "Dio lo perdoni"

Morto il cardinale Pell, il doloroso passato e le accuse a Becciu

Georges Pell, 81 anni, cardinale conservatore ed ex responsabile delle finanze del Vaticano, è morto. Il prelato era stato al centro di un clamoroso caso giudiziario che lo vide condannato e assolto per pedofilia in Australia. Pell venne accusato di abusi su due chierichetti di 13 anni, all'interno di una sacrestia. I fatti risalivano a diversi decenni prima. Lasciò Roma, dove ricopriva l'incarico di prefetto della Segreteria per l'economia, e rientrò a Sydney "per affrontare le accuse che gli sono state mosse", come fece sapere la Santa Sede. Nel 2018 la condanna da parte della corte distrettuale dello Stato del Victoria, a sei anni di reclusione. L'appello venne respinto, la condanna confermata e per lui si aprirono le porte del carcere. Nell'aprile del 2020, però, la Corte Suprema australiana decise all'unanimità il proscioglimento e il rilascio immediato.

E' stato uno dei grandi accusatori del cardinale Becciu: "Alcuni parlano di una connessione possibile tra i problemi nel mondo delle finanze qui e i miei problemi in Australia, - diceva Pell - ma non abbiamo prove. Sappiamo che del denaro è andato dal Vaticano all’Australia, due milioni e 230 mila dollari, ma finora nessuno ha spiegato perché". Parole che provocarono l'immediata reazione del cardinal Angelo Becciu, sotto processo in Vaticano per la questione della compravendita di un palazzo nel cuore di Londra e spesso in contrasto con lui quando era il numero due della Segreteria di Stato. Si tratta, accusò Becciu in una lunga deposizione nel dibattimento processuale, di una “vergognosa accusa, di aver addirittura finanziato false testimonianze in danno di un confratello, il Cardinale Pell, con i soldi della Segreteria di Stato”. Secondo il National Catholic Register, il cardinale australiano era stato ricoverato martedì pomeriggio in un ospedale di Roma per un intervento di routine di sostituzione dell'anca. L'operazione ha avuto successo, ma in seguito ha subito un presunto arresto cardiaco.

Morto il cardinale Pell, Becciu: "Il Signore lo perdoni per aver alimentato calunnie"

E proprio il cardinale Becciu è tornato a parlare del suo antagonista: "La morte del cardinale Pell ha colto anche me di sorpresa, era stato con noi a celebrare i funerali del Papa emerito Benedetto XVI. Di fronte alla morte sempre ci inchiniamo e raccomandiamo l'anima del Confratello alla misericordia del Signore”. Per poi precisare, e affondare: “Tra me e lui vi sono stati dei contrasti professionali, ma ora egli sta nella Verità: sono certo che ha preso conoscenza del reale svolgimento dei fatti. Prego il Signore che lo perdoni per aver alimentato il calunnioso sospetto che fossi stato io a congiurare contro di lui addirittura finanziando i suoi accusatori nel processo per pedofilia in Australia. Sono umanamente dispiaciuto della sua morte, riposi in pace".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
morto cardinale pell
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Affari in rete

Guarda la gallery

Affari in rete


in vetrina
Royal Family/ Meghan Markle è "troppo nuda": polemica per la visita in Nigeria

Royal Family/ Meghan Markle è "troppo nuda": polemica per la visita in Nigeria





motori
Jeep Experience: un successo tra prestazioni Off-Road e accoglienza premium

Jeep Experience: un successo tra prestazioni Off-Road e accoglienza premium

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.