A- A+
Cronache
Morto Paolo Onofri, padre del piccolo Tommy ucciso nel 2006

Suo figlio Tommaso, di poco piu' di un anno, venne rapito e ucciso a Parma nel marzo 2006: una vicenda tragica e dolorosissima che desto' un grandissimo clamore e commozione in tutta Italia. E che segno' anche lui, profondamente. Ieri, nella notte, e' morto Paolo Onofri, il padre del piccolo Tommy: era ricoverato da oltre 5 anni per un attacco cardiaco. Da allora non aveva piu' ripreso conoscenza. Aveva 54 anni.

Onofri si accascio' durante una passeggiata mentre era in vacanza con la moglie Paola Pellinghelli e il figlio maggiore a Folgaria: rimase col cuore fermo fino all'arrivo dei soccorsi. Per l'orribile omicidio di suo figlio Tommaso, sono stati condannati Mario Alessi, Salvatore Raimondi e la compagna del primo, Antonella Conserva.

Tags:
mortopaolo onofritommy
in evidenza
La Piazza di Ceglie snodo delle elezioni. Il direttore Perrino ospita tutti i big - VIDEO

La V° edizione, dal 26 al 28 agosto

La Piazza di Ceglie snodo delle elezioni. Il direttore Perrino ospita tutti i big - VIDEO


in vetrina
FS, al via le prove tecniche del Frecciarossa 1000 tra Madrid e Barcellona

FS, al via le prove tecniche del Frecciarossa 1000 tra Madrid e Barcellona





casa, immobiliare
motori
Dal fiuto di Maximilian E. Hoffman 70 anni fa nasceva la Mercedes SL

Dal fiuto di Maximilian E. Hoffman 70 anni fa nasceva la Mercedes SL


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.