A- A+
Cronache
Mose, il giudice dice no a Orsoni. Respinta la richiesta di patteggiamento

Il gup di Venezia ha respinto il patteggiamento tra la Procura e l'ex sindaco, Giorgio Orsoni, accusato di finanziamento illecito nell'inchiesta sul Mose. Orsoni aveva concordato una pena di 4 mesi e 15mila euro di multa, ma secondo il gup "la pena e' incongrua rispetto alla gravita' dei fatti".

L'ex sindaco non era in aula e ha saputo della decisione dal proprio legale, Daniele Grasso. "Non so ora da dove si parta, prenderemo le decisioni assieme al mio assistito", ha detto a caldo l'avvocato. "Ci sono comunque le condizioni per affrontare un processo; il patteggiamento ormai non esiste piu'", ha aggiunto. Dalla procura, invece, filtra che sarebbe stata preferibile "una pena certa oggi, anche se minima, piuttosto che una pena piu' pesante alla quale probabilmente non si sarebbe mai arrivati considerato il rischio di prescrizione del reato".

Tags:
moseorsoni
in evidenza
Incendi in California, distrutti oltre 200 acri di foreste

Politica

Incendi in California, distrutti oltre 200 acri di foreste

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz

La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.