A- A+
Cronache
Di Pietro: "Expo e Mose peggio di Mani Pulite. Greganti? Complici nel Pd"

di Lorenzo Lamperti

twitter@LorenzoLamperti

"Superiorità morale? Mai esistita. Ci sono ladri sia a destra sia a sinistra". Antonio Di Pietro, ex pm di Tangentopoli, interviene su Expo e Mose in un'intervista ad Affaritaliani.it: "20 anni fa rubavano soldi per i partiti, oggi solo per loro stessi. I finanziamenti leciti come quello alla Curia peggio degli illeciti: servono a comprare il consenso". Su Greganti: "E' ancora in giro perché nel Pd qualcuno era ricattabile o complice. Cantone? Le soluzione non è il D'Artagnan di turno". E amaro confessa: "Se Mani Pulite è passata invano? Peggio, ha selezionato la specie criminale. Oggi c'è un sistema molto più forte, piduista e paramafioso".

Antonio Di Pietro, le inchieste Expo e Mose che cosa ci insegnano? Destra e sinistra rubano entrambe alla stessa maniera?

Sul piano giudiziario è la prova, da Mani Pulite in poi, che non esiste e non è mai esistita una differenza politica ma solo personale. Sia a destra sia al centro sia a sinistra e sia nella Prima che nella Seconda Repubblica ci sono persone corrette e persone scorrette. Così come nella Prima Repubblica c'era da una parte Salvo Lima e dall'altra Pio La Torre, così oggi da una parte ci sono tante persone perbene che fanno politica con tanti sacrifici e dall'altra c'è chi usa la politica per farsi gli affari propri.

Quali differenze ci sono tra i sistemi criminali emersi a Milano e Venezia e quello scoperto da lei e dagli altri magistrati milanesi di Mani Pulite?

Sul piano fattuale quello che avveniva 20 anni fa sta avvenendo anche adesso, cioè un sistema di imprese che entra nel sistema degli appalti pubblici grazie a elargizioni illecite ai politici. Ma oggi questo sistema ha molta più capacità criminale. Ed è un sistema molto più strutturato. Mani Pulite aveva scoperto un sistema di corruzione legato ai partiti. Il denaro veniva poi spartito all'interno del partito. Insomma, era quantomeno un crimine legato a un'attività politica. Oggi invece queste elargizioni avvengono per singoli politici che non operano per nome e per conto del partito ma solo seguendo interessi personali.

Insomma, la situazione è peggiorata?

C'è stata un'ingegnerizzazione del sistema. Il problema di fondo è che si consente e anzi si permette di scaricare dalle tasse i finanziamenti leciti. Basta fare una dichiarazione congiunta al Parlamento per rendere il finanziamento non perseguibile.

Nell'inchiesta sul Mose molti politici sono indagati per finanziamento illecito...

Sì, ma a me fanno più impressione quei politici o quelle strutture, anche ecclesiastiche, che hanno ricevuto fondi formalmente leciti ma sostanzialmente dati per carpirne la raccomandazione o comprarne il consenso.

Ma com'è possibile che a 20 anni di distanza tornino personaggi come Greganti e Frigerio?

Primo Greganti e Frigerio stavano facendo, secondo le accuse, le stesse cose che facevano prima. A me preoccupa di più il fatto che gli veniva riservato il primo posto nelle feste di partito e nelle associazioni culturali di partito. Frigerio è stato anche ricandidato dopo la condanna. All'interno della classe dirigente e politica attuale ci sono persone che, perché ricattati o perché complici, fanno rientrare dalla finestra chi era uscito dalla porta.

Le sembra che il Pd abbia reagito nella maniera corretta su queste inchieste?

E' ipocrita e ridicolo dire, come ha fatto qualche pezzo grosso del Pd, che si è provveduto a sospendere Greganti dopo l'inchiesta Expo. Ma è grave averlo riammesso dopo quello che era successo 20 anni fa. Greganti era già stato condannato. Già lo sapevi, che senso ha sospenderlo adesso?

Insomma, la superiorità morale della sinistra non esiste?

La superiorità morale basata sull'appartenenza a un partito non è mai esistita. Esiste la superiorità morale dei singoli individui che rispettano le leggi.

Soprattutto dall'inchiesta del Mose ogni giorno emergono nuovi nomi anche di primissimo piano. Possibile che ci sia stato un fenomeno corruttivo così ampio?

In queste inchieste si frappongono due metodologie: il finanziamento illecito e il millantato credito. Sarà un'operazione molto delicata in fase istruttoria e dibattimentale chi ha usato come schermo dei portaborse e quali portaborse hanno invece utilizzato nomi importanti per arricchirsi alle loro spalle.

Ora sembra che la nomina di Cantone sia il toccasana per risolvere tutto. Ma sarà davvero così?

Renzi ha detto che le regole ci sono e che bisogna contrastare i ladri è solo una parte della verità. Sia in ambito penale che civile e amministrativo non sempre possediamo le leggi e gli strumenti adatti per contrastare i ladri. Aspettare il magistrato significa aspettare il morto perché quando interviene il magistrato significa che il reato si è già consumato. Bisogna intervenire prima, non basta nominare il D'Artagnan di turno. A mani nude non si va da nessuna parte, nomine come queste rischiano di diventare solo un'ipocrisia.

Quali strumenti servono alla magistratura per essere più efficace?

Io e i colleghi di Mani Pulite dal 1994 diciamo che serve il reato di autoriciclaggio. Oggi sappiamo che forse lo faranno domani. Tra la destra Erode e la sinistra Ponzio Pilato non si è mai fatto quello che si doveva fare. La colpa non è solo di Berlusconi ma anche della sinistra che si è girata dall'altra parte quando si doveva prendere delle responsabilità.

L'insegnamento di Mani Pulite è stato vano?

Peggio, devo amaramente constatare che inchieste come Mani Pulite, Mose o Expo se non portano a forti decisioni politiche con nuove norme e nuovi strumenti per contrastare il reato finiscono per selezionare la specie. Più si va avanti e più i criminali più deboli vengono individuati dalla magistratura e quelli più forti restano al di fuori. Scoprire che ancora oggi Greganti e Frigerio dialogano all'interno delle istituzioni significa che 20 anni fa qualcuno l'ha fatta franca e mantiene il controllo della situazione. 20 anni fa era il politico che coordinava e controllava la situazione, oggi invece è un sistema piduista di potere che decide chi deve fare politica e dove deve farla, chi deve fare il magistrato e dove deve farlo. Il caso del magistrato delle acque è emblematico. Anche i ruoli di primo piano sono assuefatti e subordinati a un nuovo controllo di tipo paramafioso e piduista, un sistema di potere che la magistratura non riesce a intaccare. Solo la riscoperta dell'etica pubblica potrebbe farlo.

Tags:
mosedi pietrointervista
in evidenza
Casaleggio-Sabatini, che coppia Mano nella mano in dolce attesa

Paparazzati in un hotel di lusso

Casaleggio-Sabatini, che coppia
Mano nella mano in dolce attesa

i più visti
in vetrina
Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo

Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo





casa, immobiliare
motori
Prende il via da Cagliari il raoadshow ELECTRIQA firmato Mercedes

Prende il via da Cagliari il raoadshow ELECTRIQA firmato Mercedes


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.