A- A+
Cronache

 

 


Beni per circa 150 milioni di euro sono stati sequestrati dagli uomini dei centri operativi Dia di Roma e Reggio Calabria e della Polizia di Stato della citta' dello Stretto e di Palmi a carico di due persone. Si tratta di Giuseppe Mattiani e del figlio Pasquale, nonche' di alcuni componenti il loro nucleo familiare in qualita' di terzi intestatari.

Il sequestro, secondo quanto si apprende, e' il risultato di due attivita' di indagine condotte dal Centro Operativo Dia di Roma, dalla Squadra Mobile di Reggio Calabria e dal Commissariato dalle quali sarebbe emersa la contiguita' dei due alla cosca di 'ndrangheta dei Gallico.

Reggio Calabria, 12 nov. - Tra i beni sequestrati, un hotel a 4 stelle a Palmi e uno a Roma situato in uno dei quartieri piu' esclusivi e a maggiore densita' turistica della capitale.

Tags:
'ndranghetagallicobenisequestri
in evidenza
Elodie-Diletta pazze per la Puglia Fanno coppia fissa al mare- FOTO

Ormai amiche inseparabili

Elodie-Diletta pazze per la Puglia
Fanno coppia fissa al mare- FOTO


in vetrina
Ferrarini sostiene l'economia locale con il progetto "Sapori d’Italia"

Ferrarini sostiene l'economia locale con il progetto "Sapori d’Italia"





casa, immobiliare
motori
Mercedes-Benz GLE 350 de 4MATIC: come ritrovare il gusto del viaggio

Mercedes-Benz GLE 350 de 4MATIC: come ritrovare il gusto del viaggio


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.